Jolanda De Rienzo: “Napoli, due addii ed un ritorno, tra presente e futuro”

Jolanda De Rienzo_625x_Jolanda De Rienzo, giornalista, scrive su “NapoliMagazine.Com”: “Il Napoli la priorità. Cambiano gli interpreti, cambiano gli allenatori ma la maglia resta. La partenza di Rafa Benitez sembra certa: Real in pole con l’assenso del suo procuratore. Quilòn a colloquio con De Laurentiis, come si è visto in queste settimane, anche per parlare dell’amatissimo Reina. Pepe ha seminato bene all’ombra del Vesuvio e finalmente potrà raccogliere i consensi di pubblico e spogliatoio con il suo ritorno. Rivoluzioni azzurre quindi che potrebbero comprendere anche l’addio di Riccardo Bigon. Difficile immaginarlo lontano da Napoli, i rumors erano arrivati a gennaio, oggi le voci si fanno più insistenti, destinazione Verona o a sorpresa Madrid? La seconda ipotesi pare la meno reale. Il club azzurro è cresciuto anche grazie a lui, tanto da far diventare il posto vuoto, lasciato da Benitez, ambito da mister italiani ed europei. Mihajlovic in pole, un motivatore che conosce il calcio italiano ed ha la giusta dose di appeal anche con i tifosi. Sarà importante ricostruire dai leader e dai campioni che hanno fatto crescere la squadra nel tempo, sarà importante dare un segnale di continuità alla piazza ed agli stessi giocatori. Napoli tra futuro e presente. L’oggi si chiama Juventus, tre punti e continuare a sperare. Molto dipende anche dal derby posticipato tra Roma e Lazio, molto dipende dalla squadra. Colpire i bianconeri appena mostrano il loro lato debole, com’è accaduto nel primo tempo contro l’Inter, ed evitare che alzino la testa. Vincere e confermare il carattere, battere anche i biancocelesti nell’ultima giornata. Il presente si chiama Champions da conquistare a tutti i costi”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 498 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!