ADL a Radio KK: “San Paolo? Ho chiesto di giocare la prima fuori: i concerti sono dannosi. Su Reina e Valdifiori…”

6-DOHA-JUVENTUS-NAPOLI-DELAURENTIIS-FOTOCUOMO-23

Il Presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, ha rilasciato un’intervista alla radio ufficiale. Ecco quanto evidenziato: “Sarri maestro di calcio? In questi giorni di incontri, lui mi ha dimostrato quello che credevo lui fosse: ho avuto l’impressione di un uomo attaccato al proprio lavoro e di grande esperienza.

Mirko Valdifiori?  Ho sempre desiderato avere un regista, ma non l’abbiamo mai potuto avere: già Verratti che io avevo acquistato ma poi ho dovuto rinunciare perchè nel nostro modo di giocare dell’epoca non era previsto il regista. Io credo che Mirko abbia tutte le caratteristiche, dopo aver fatto una lunga gavetta, per fare bene nei prossimi anni.

Pepe Reina? Domani Pepe ha un appuntamento con noi a Roma per fare tutte le verifiche: se sarà ritenuto idoneo, firmerà per noi.

Stadio e questione concerti: La storia dei concerti l’ho presa male, io adoro sia Vasco Rossi che  Jovanotti, però ci sono delle location idonee e altre meno, lo stadio San Paolo serve a fare calcio e basta. O facciamo i concerti e distruggiamo i campi da gioco, o giochiamo a calcio: io il campo l’ho fatto varie volte, ci abbiamo trovato sotto di tutto e di più e alla fine, assieme al nostro creatore e manutentore, e con agli agronomi, abbiamo fatto un campo eccelso, tanto è che la Lega l’ha ritenuto il campo migliore d’Italia.
Prima della fine di agosto, dati i concerti, non avremo un campo perfetto e ho chiesto che la prima partita di campionato, che si terrà il 23 agosto, di giocarla fuori, così come anche le amichevoli: tutte le squadre più importanti fanno ormai tournee in Asia e negli Stati Uniti. Quindi si pone un problema anche col nuovo allenatore e i nuovi acquisti, e aspettando i rientri di Higuain e degli altri: dunque avremo un gruppo di lavoro completamente nuovo, come i preparatori atletici e anche riguardo la direzione sportiva.

Progetto San Paolo:  A me sembra che tutti remino contro il Napoli, tutto così catastroficamente lento, non so più se incontrare o no l’amministrazione comunale attuale o aspettare l’anno prossimo quella nuova per presentare il progetto. Tra l’altro, i concerti sono anche a rischio viste le condizioni attuali dello stadio, compreso la mancanza di servizi igienici adeguati.

Questa Italia va non bene, ma malissimo, a partire dalle amministrazioni comunali, a quelle regionali per finire a quelle nazionali.

Giuseppe Di Marzo

Commenti