Sarri: “Umiltà e impegno. Higuain è al centro del progetto”

Nel primo giorno di raduno a Castelvolturno, il neoallenatore del Napoli spiega il suoi progetti: “Essere qui per me è un sogno”. Sul modulo: “Abbiamo diverse soluzioni e valuteremo”. Sul Pipita: “E’ più forte di ciò che ha dimostrato finora”

“Ai tifosi prometto umiltà e impegno, allenare il Napoli per me è un sogno”. Maurizio Sarri, nel primo giorno di raduno della squadra a Castelvolturno, esprime la sua emozione ai microfoni di Radio Kiss Kiss. Il tecnico azzurro racconta le sue sensazioni e parla del progetto avviato con il presidente Aurelio De Laurentiis, intervenuto oggi a Castelvolturno per salutare il via della nuova stagione.

“E’ stato un intervento molto importante e il fatto che il Presidente mi abbia tributato tanti complimenti davanti alla squadra mi ha fatto particolarmente piacere – confessa -. Da parte mia ho parlato alla squadra e poi ho svolto alcuni colloqui di conoscenza con i ragazzi”. Ha già idea su quale modulo può adottare questa squadra? Ci sarà il ‘suo’ 4-3-1-2 o ci sarà spazio anche per il 4-3-3? “In questo momento tutto è possibile come utilizzo del modulo – afferma -. Dipenderà molto dalla rosa che avrò a disposizione. Lasciamo aperte due o tre strade come soluzione tecnica e poi ne sceglieremo strada facendo un modulo più adatto. Ma per ora studieremo più alternative da poter mettere in atto a cominciare sin dal primo giorno di lavoro”.

Quanto è importante Higuain in questo progetto? “E’ chiaro che un calciatore con tali potenzialità va messo al centro del progetto. Higuain – sottolinea Sarri – è un attaccante eclettico, sa fare sia la punta di riferimento che quella di movimento accanto ad un altro attaccante. Secondo me lui ha potenzialità non ancora espresse del tutto e ha ampi margini di miglioramento. Vorrei tirare fuori da lui il massimo e quel qualcosa che non ha ancora espresso perché per me è ancora più forte di quello che si è visto”.

Fonte: SkySport

Commenti