Mertens: ”Gioco dove vuole Sarri, sarà un grande Napoli”

DIMARO – Aspettando il brasiliano Allan, il cui laborioso arrivo potrebbe slittare a questo punto a stasera o addirittura a domani mattina, nel quartier generale di Dimaro è ritornato all’ora di pranzo Aurelio De Laurentiis, reduce dal blitz a Ischia per il Global Festival del cinema. Ad attenderlo, oltre a Sarri e ai giocatori (da 9 giorni al lavoro in Val di Sole), anche il direttore sportivo Cristiano Giuntoli: con cui il presente si è subito appartato per un vertice di mercato. Il ritiro del Napoli entra nel vivo: in campo e fuori. Domani pomeriggio è in programma il primo test amichevole, sparring partner una rappresentativa di dilettanti del Trentino. C’è curiosità per vedere la risposta della squadra alla cura del nuovo tecnico, che ha cambiato radicalmente strada rispetto al biennio di Benitez. La preparazione fisica, assai più intensa, sta lasciando un po’ il segno sulle gambe del gruppo. Sono già quattro infatti gli azzurri finiti ko per leggeri infortuni muscolari: Hamsik, Strinic, David Lopez e Reina. Piccoli acciacchi di stagione, che non hanno intaccato la fiducia e l’ottimismo che regnano per ora nello spogliatoio.

“Sono sicuro che sarà un grande Napoli. Abbiamo un attacco fortissimo, se riusciamo a lavorare bene anche negli altri reparti faremo grandi cose. Dimostrerò a Sarri di poter giocare in tutti i ruoli del suo schema offensivo”, ha detto Dries Mertens in una intervista rilasciata alle emittenti private napoletane. “Mi piace del nuovo tecnico la sua volontà di far giocare la squadra sempre di prima”. Il belga ha dato la sua disponibilità a giocare da trequartista o da seconda punta, adeguandosi al modulo tattico che sarà scelto di volta in volta dagli azzurri. Domani la prima prova generale della stagione azzurra, a Dimaro. Dovrebbe seguirla da spettatore anche Allan, in arrivo dall’Udinese. Britos e Zapata hanno invece salutato i compagni. Il difensore passa al Watford, l’attaccante va in prestito in Friuli.
 

ssc napoli

serie A
Protagonisti:
aurelio de laurentiis
dries mertens
Fonte: Repubblica

Commenti