Palanca: “Napoli, troppi elogi negli ultimi giorni”

palancaServiva la continuità ma il Napoli ha raccolto solo un punto contro il Carpi. Il campionato è lungo ma è una battuta d’arresto che complica un po’ il piano di risalita della squadra di Sarri. “Forse i troppi elogi per i dieci gol in due partite non hanno aiutato“, spiega Massimo Palanca, attaccante azzurro negli anni Ottanta. Come si spiega un Napoli incapace di segnare con il Carpi? “E’ la riprova che il campionato italiano è difficile, si incontrano problemi con tutte. Anche la Juve doveva battere il Frosinone e poi ha solo pareggiato. Può succedere, sulla carta è un conto, sul campo è un’altra storia”. Difficile gestire tutti gli attaccanti?Ci sono tanti attaccanti e qualcuno deve partire dalla panchina. Quando non si vince poi si pensa che quello che è in panchina debba sempre giocare“. Dove sono i problemi del Napoli?“Anche se ultimamente non ha preso gol, credo che i problemi restino dietro. Questione di singoli e di conseguenza anche di reparto“. A centrocampo Valdifiori ancora non ingrana… “Ci vuole pazienza, è passato da una squadra che doveva salvarsi ad una piazza esigente come Napoli. Può essere che qualche scompenso si verifichi. Ma le qualità ci sono e riemergerà”. A che cosa può candidarsi il Napoli?Può lottare per le prime tre posizioni. Anche la Juve è attardata e nelle posizioni di vertice adesso ci sono tra le latre Sassuolo, Chievo, Torino. Ma tra qualche giornata la classifica si delineerà”.

fonte – TMW

Commenti

Questo articolo è stato letto 567 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!