Inter, Mancini ritrova l’amuleto Jovetic. Ljajic si propone: “Spero mi abbia visto in nazionale”

MILANO – Roberto Mancini sorride, perché per la sfida contro la Juventus torna Stevan Jovetic, l’uomo in più. La sua punta di diamante. A sostegno del ‘ghigno manciniano’ ci sono i numeri, che spesso dicono tanto. Le cifre sono chiare e segnalano che, senza l’ex Viola, i nerazzurri hanno rimediato la prima sconfitta a San Siro (contro la Fiorentina 1-4) e il primo pareggio con la Sampdoria a Marassi (1-1). Mentre con l’ex Viola in campo, l’Inter ha infilato una dopo l’altra cinque vittorie e quindici punti. E’ questo il motivo principale del sorriso furbastro del Mancio, che sa che contro i bianconeri sarà difficile, ma è rasserenato dal fatto di avere a disposizione Jo Jo. Insieme all’attaccante sono pronti a scendere in campo Mauro Icardi e Adem Ljajic protagonista di due ottime prestazioni con la sua nazionale. Proprio il serbo, dopo la vittoria della sua nazionale contro l’Albania (un gol e un assist), ha mandato un messaggio inequivocabile: “Fisicamente sto benissimo, spero che il mister abbia visto la mia prova. Spero di trovare più spazio, certo, perché posso fare meglio di così. E perché giocando si migliora”.

Oltre a Jovetic, Icardi e l’ex Roma, a disposizione ci sono Ivan Perisic autore del primo gol della Croazia contro la Bulgaria nella vittoria per 3-0, Biabiany utile nel 4-2-3-1, così come nel 3-4-3 o nel 4-3-3 e Rodrigo Palacio. All’allenatore interista non mancano certo gli uomini in attacco. Qualche grattacapo potrebbe esserci, invece, in difesa. Gary Medel è stato bloccato per una leggera intossicazione alimentare e tornerà solo giovedì insieme a Joao Mirandae Jeison Murillo (tutti quanti impegnati nella qualificazioni di Mondiali 2018).

Inter

serie A
Protagonisti:
stevan jovetic
adem ljajic
Fonte: Repubblica

Commenti