Napoli sogna lo scudetto, Hamsik conferma: «Noi ci siamo»

Insegue i sogni il Napoli e con lui tutta la città. Dopo il dominio col Palermo, Napoli si è svegliata con un entusiasmo ancora più forte per la cavalcata degli azzurri, guidati da uno straordinario Higuain: per Sarriparlare di scudetto a fine ottobre è una «bestemmia», ma la città dopo5 vittorie consecutive in campionato vuole e può permettersi di sognare. Per farlo, però, il tecnico dovrà anche gestire due casi: la rabbia di Mertens per lo scarso spazio e quella di Insigne per la sostituzione.

Il dualismo a sinistra c’è, è innegabile, e toccherà anche ai senatori della squadra ricomporlo, a cominciare da Hamsik che oggi punta a spegnere l’incendio: «È importante – dice – avere un gruppo unito che ha lo stesso obiettivo, qui ci sono tanti giocatori di qualità e c’è anche piena armonia ed unione tra di noi». Intanto lo score degli azzurri diventa sempre più impressionante: 5 vittorie di fila in campionato (a due lunghezze dal record del club di 7 successi consecutivi stabilito nell’87/88 da Maradona e compagni), sette se aggiungiamo anche l’Europa League. Nelle ultime dieci partite tra A ed Europa, il Napoli ha segnato 27 gol, subendone tre, vincendo nove gare e pareggiando solo quella con il Carpi.

A guidare la straordinaria macchina sarriana c’è Higuain, capocannoniere a quota 8 gol dopo 10 giornate e già in doppia cifra se contimao anche i due gol europei. «Top player? Numero alla mano nessuno è forte come il Pipita in questo momento», lo incorona così Marek Hamsik, il capitano azzurro ritrovato nel nuovo ruolo di mezz’ala che Sarri gli ha affidato. Dai suoi piedi passano decine di palloni e il gioco del Napoli scorre come sul velluto: «Ultimamente – spiega – stiamo giocando alla grande e vinciamo con merito. In campo ci divertiamo, vedere il Napoli così deve essere divertente anche per i tifosi».

Ma anche Marek sogna fino a un certo punto: «Siamo solo alla decima giornata, per lo scudetto dobbiamo guardare la situazione alla trentesima, certo se sarà ancora così…».

 Per puntare al top (e Hamsik non dimentica l’Europa League affermando «è un nostro obiettivo dopo la finale sfiorata lo scorso anno») si dovranno dosare le forze: a Genova Sarri ritroverà Koulibaly e Allan, e medita di dare un turno di riposo a Ghoulam.
lacittadisalerno
Commenti

Questo articolo è stato letto 478 volte