Atalanta, Reja: “L’unica strada è giocare come sappiamo”

BERGAMO – Ripartire di slancio dopo la sosta per gli impegni delle Nazionali, magari riproponendosi sui livelli della prestazione offerta due settimane fa a San Siro contro il Milan. E’ l’intento con cui l’Atalanta, attestata al settimo posto in compagnia di Juventus e Lazio, nonostante debba fare i conti con qualche assena si appresta a ricevere il Torino nel tredicesimo atto del massimo campionato.

REJA: “STIAMO MOLTO ATTENTI AL TORINO, GIOCANDO COME SAPPIAMO” – “Bisogna ripetere la bella prova vista contro i rossoneri, sono fiducioso perché durante la sosta abbiamo lavorato parecchio e bene: siamo in salute e il morale è alto – sottolinea il tecnico Edy Reja incontrando i media a Zingonia, dopo la rifinitura pre-gara -. L’importante è che la squadra giochi come sa e che crei sorprese a un avversario ben organizzato come il Toro, che segna poco ma regala sempre un ottimo gioco. Dovremo, perciò, stare molto attenti”. Sarà una sfida interessante anche tra panchine: Reja e Ventura sono tra i veterani della serie A. “Credo che il nostro segreto sia la passione, che resta nonostante il passare del tempo – osserva il tecnico nerazzurro – Ci gratifica migliorare il gruppo e lanciare qualche giovane. Ventura ha appena rinnovato il contratto fino al 2018 e gli faccio i complimenti, il suo lavoro è importante. Anche a me piace restare ancora sul campo, non mi ci vedo dietro una scrivania”.

DENIS AL POSTO DELLO SQUALIFICATO PINILLA, SI RIVEDE ESTIGARRIBIA – La formazione ricalcherà quella che ha pareggiato al ‘Meazza’, con l’inserimento al centro della difesa di Cherubin (o Stendardo) al posto dell’infortunato Toloi per far coppia con Paletta. In attacco toccherà invece all’argentino Denis sostituire lo squalificato Pinilla, con ai lati probabilmente Moralez e Gomez. Ballottaggi da sciogliere sulle fasce nel 4-3-3 dei bergamaschi: a destra dubbio Raimondi-Masiello, mentre a sinistra, con Dramè ko, Bellini è favorito su Brivio. A centrocampo, oltre ai confermati Grassi e De Roon, Cigarini dovrebbe essere preferito a Kurtic. Torna tra i convocati anche Estigarribia, che potrebbe entrare nella ripresa. Attesi dai tifosi seriani gli ex Baselli e Zappacosta, ceduti in estate ai granata di Cairo per circa 11 milioni di euro.

“A CHI TOGLIE LA VITA NON SI PUO’ PERDONARE NULLA” – Anche allo stadio di Bergamo, domani, risuoneranno le note della Marsigliese in onore delle vittime dei terroristi negli attacchi compiuti a Parigi. “Mi piacerebbe che l’attenzione si spostasse dagli attentati alla felicità del vivere. Lo sport e il calcio in particolare possono dare un contributo importante. Il calcio aiuti ad offrire serenità e felicità. Noi che operiamo in questo ambito abbiamo questa possibilità, pertanto sfruttiamola sino in fondo – l’appello che lancia Reja agli addetti ai lavori – E’ un momento particolare per tutti. La democrazia ci permette di vivere sereni, nel rispetto del pensiero altrui. Ma se qualcuno si permette di togliere la vita altrui non gli si può perdonare niente. Chi uccide va condannato”.

atalanta

serie A
Protagonisti:
edy reja
Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 178 volte