Baiano: “Valdifiori non farà rimpiangere l’assenza di Jorginho”  

baianoL’ex calciatore azzurro Francesco Baiano ha rilasciato un’intervista in esclusiva alla redazione di NapoliSoccer.net, nella quale ha parlato delle aspettative di mercato del Napoli, della partita dell’Epifania, che vederà il Napoli contrapposto alTorino e di una possibile ristrutturazione dei calendari in modo da poter giocare anche a Natale, evitando così partite invernali su campi innevati e ghiacciati.

Lei ha conosciuto Maurizio Sarri ai tempi della Sangiovannese, ci dice qual è stata l’impressione che le fece all’epoca l’attuale allenatore azzurro?
“Con Sarri ho vinto un campionato alla Sangiovannese e l’impressione che ho avuto di lui all’epoca resta tale, anche oggi che allena il Napoli. Non è cambiato di una virgola, continuiamo a sentirci e la sua grande umiltà sarà sempre la sua forza. Ha una cultura, una preparazione ed una conoscenza del calcio che lo portano a non esaltarsi, neanche in questo periodo che è sulla bocca di tutti per i buoni risultati che sta ottenendo. La sua esperienza nelle serie minori lo ha portato a non demoralizzarsi quando il Napoli perdeva, pur giocando un ottimo calcio per sessanta minuti. Con Maurizio ho un rapporto che va oltre il calcio, siamo buoni amici e non mi ha mai proposto di essere il suo vice a Napoli. Gli auguro che possa raggiungere grandi traguardi nella sua avventura partenopea”.

Si è da poco aperto il mercato di riparazione, secondo lei in quale zona del campo il Napoli ha bisogno di rinforzarsi?
“Da quello che ho visto, il Napoli nel calciomercato di gennaio ha bisogno solo di qualche giocatore che dia il cambio a qualche big nel momento in cui scende di condizione o abbia bisogno di rifiatare. Bisogna prendere dei calciatori preparati e forti, che quando chiamati in causa non facciano perdere quella qualità che ti dava il titolare. Non è facile acquistare giocatori che non facciano abbassare il tasso qualitativo e tecnico della squadra. I giocatori sanno che per vincere non basta una rosa di undici calciatori bensì bisogna avere una rosa forte con tantissimi giocatori  a disposizione del mister”.

Il campionato italiano si è fermo per la sosta natalizia, durante questo periodo di pausa quali sono i comportamenti che un calciatore deve tenere e in cosa consiste il famoso richiamo della preparazione?
“Per quanto riguarda la preparazione, ti dico che si tratta di un semplice richiamo soft, nel quale si tende a fare le stesse cose che si fanno durante la preparazione estiva soltanto in maniera più leggera. E’ impossibile riprendere tutta la preparazione in soli dieci giorni! Non puoi caricare come si carica d’estate; poiché in inverno non hai il tempo per smaltare le fatiche della preparazione. Il richiamo della preparazione serve solo a mettere un po’ di benzina in più nelle gambe e far riprendere il ritmo di lavoro dopo una settimana di stop. Per quanto riguarda i comportamenti che deve tenere un calciatore, ti dico che le società danno loro un programma da svolgere per restare in forma e non aumentare di peso. In questa settimana di festa si vede la professionalità di un giocatore; poiché se un calciatore è davvero un professionista arriva al campo di allenamento che ha preso solo un chilo e magari può riprendere fin da subito a fare questa mini preparazione ma nella stragrande maggioranza dei casi durante le feste i calciatori tendono a prendere quattro cinque chili. Dal momento che tanti si presentano non in buona condizione fisica alla ripresa degli allenamenti, i tecnici sono costretti per i primi due giorni a fare un recupero della forma fisica. Ricordo – spiega Baiano a NapoliSoccer.net – che al Foggia con Zeman non facevamo un richiamo di preparazione ma partivamo a rifare la preparazione daccapo con corse lunghe nei boschi. A gennaio e febbraio pagavamo dazio di brutto ma quando smaltivamo le fatiche in campo volavamo e gli altri camminavano”.

Secondo lei è giusto che anche in Italia si giochi a Natale?
“Anche io, come Sarri, sono propenso a giocare a Natale; ciò servirebbe a dare lustro al campionato italiano. Se giocassimo nelle vacanze natalizie, gli stadi sarebbero più pieni; poiché con le feste la gente avrebbe più tempo per andare a vedere la partita. Anche il presidente dell’AIC, Damiano Tommasi, è favorevole a giocare durante le festività natalizie, bisogna però fare una totale riprogrammazione delle date campionato, dal momento che, se si dovesse giocare durante le feste, alla fine di esse bisognerebbe dare un po’ di fiato ai giocatori, altrimenti arriveremo nella seconda metà della stagione che nelle Coppe Europee le squadre italiane si ritroverebbero senza benzina. Dico questo dal momento che negli ultimi anni le squadre inglesi in Europa sono crollate mentre quelle tedesche hanno fatto strada; poiché loro usufruiscono della pausa invernale fino a febbraio arrivando carichi alla seconda parte di stagione. E’ tutta una questione di programmazione: si può iniziare prima, giocando in estate le partite di sera, poi giocherei a Natale e durante l’inverno eviterei quei turni infrasettimanali invernali con partite che si giocano di sera con campi innevati e ghiacciati, dove si può giocare ad hockey e non a calcio. Sui campi impraticabili lo spettacolo ne risente ed i calciatori sono soggetti ad infortuni”.

Secondo lei questa sosta arriva in un momento giusto per il Napoli?
“Te lo dico quando ricomincia il campionato [Ride n.d.r,]. Il Napoli ha speso molto fino ad ora però mi è sembrato che i ragazzi avessero ancora benzina nelle gambe. A volte queste soste – afferma Baiano a NapoliSoccer.net –  ti rovinano un po’; poiché la squadra sta andando forte e questo stop forzato ti può rovinare questo momento positivo. Penso che la pausa sia arrivata in un momento giusto per tutte le squadre, anche perchè si è giocato solo per tre quattro mesi ma sono state spese molte energie nervose e mentali  a causa delle tante pressione che i calciatori subiscono in Italia. In altri paesi il calcio è vissuto in modo molto più soft”.

Come vedrebbe Reina in qualità di rigorista?
“Nella storia del calcio ci sono stati portieri che sono stati ottimi rigoristi su tutti mi verrebbe da dire Chilavert e Rogerio Ceni. Quando batti un calcio di rigore non conta il ruolo, conta la freddezza, la tranquillità mentale con cui il calciatore si presenta dal dischetto e la lucidità di riuscire a mettere la palla dove si vuole. E’ sbagliato pensare che un grandissimo attaccante possa essere anche un grandissimo rigorista. Quando ero a Firenze , avevo come compagno di squadra un argentino, uno dei centravanti migliori in circolazione ed il calciatore più forte con cui abbia avuto l’onore di giocare (Omar Gabriel Batistuta n.d.r.) ma che aveva una media realizzativa dal dischetto molto bassa, simile a quella di Gonzalo Higuain. Prima che arrivasse a Napoli Maradona, il miglior rigorista azzurro era il difensore centrale Moreno Ferrario, che, se non ricordo male, dal dischetto aveva una media realizzativa che si aggirava intorno al 90%. Quando si calcia un rigore bisogna avere quelle tre qualità innate che ho citato in precedenza. Ad oggi nel Napoli ci sono grandissimi fenomeni come Higuain ed Hamsik ma che hanno la pecca di non riuscire a far gol su calcio di rigore, chi sa se Reina …”.

Alla ripresa del campionato il Napoli affronterà il Torino, senza lo squalificato Jorginho, ci potrebbe dare una sua lettura tecnico tattica di questa partita?
“Jorginho è in uno stato di forma impressionante ma non credo che la sua assenza si farà sentire, dal momento che giocherà un altro giocatore con le sue stesse caratteristiche e molto abile a cucire il gioco: Mirko Valdifiori. L’ex calciatore dell’Empoli sta attraversando un periodo di crisi, lo stesso che stava attraversando Jorginho nel suo primo anno di Napoli. Valdifiori è un grande giocatore che sta pagando il passaggio da una piccola squadra ad una big del campionato italiano ma sono certo che riuscirà a farsi apprezzare anche dal pubblico del San Paolo. Un calciatore fondamentale per questa partita, come per tutta la stagione, sarà Josè Maria Callejon, che, nonostante non riesce più a segnare, da equilibrio a tutta la squadra. Quando in squadra hai un giocatore come lui – conclude Baiano a NapoliSoccer.net – un allenatore è molto felice poiché rientrando alla perfezione, riuscendo a supporta bene la squadra in entrambi le fasi di gioco da equilibrio alla squadra”.

NapoliSoccer.net

Commenti
avatar

Vincenzo Letizia

Giornalista sportivo, nasce a Napoli il 16/02/1972. Tante le esperienze professionali: collaboratore dei quotidiani “IL TEMPO”, “NAPOLI NORD”, “LA VERITA'”, “DOSSIER MAGAZINE”, “CRONACHE DI NAPOLI”, dei mensili “L’OASI” e “IL VOMERESE”. Corrispondente da Napoli del quotidiano “IL GOLFO”, redattore del periodico “CORRIERE DEL PALLONE”, direttore editoriale del settimanale di scommesse sportive 'PianetAzzurro FreeBet'. Responsabile dei servizi sportivi del “CORRIERE DI CASERTA”. Tra i collaboratori del ‘laboratorio di giornalismo e di comunicazione’ diretto da Michele Plastino. Inviato della trasmissione radiofonica “ZONA MISTA” in onda su CRC targato Italia. Più volte ospite alle trasmissioni televisive “Campania Sport” e “PANE E PALLONE” in onda su Canale 21, “ULTRAZOOM” in onda su TCS, “TRIBUNA Sport” in onda su Televomero, “Sotto Rete” in onda su TLA. Ideatore ed opinionista della trasmissione WEB/RADIO 'MONDO CALCIO' andata in onda sulla Tele5 Napoli tutti i lunedì alle 18,00 e i venerdì alle 21,30. Ha curato ogni sabato pomeriggio, intorno alle ore 16,30, la rubrica radiofonica su 'RADIO PUNTO ZERO' (FM 102.00) 'LA BOLLETTA' all'interno del seguitissimo programma 'Zero Magazine' in onda dalle 16:00 alle 19:00 (su www.rpz.it in Live Streaming). Ideatore e conduttore del programma TV 'CALCIOMERCATO & SCOMMESSE MONDIALI' andato in onda su Area Blu TV durante il Mondiale sudafricano. Opinionista fisso del programma TV 'AREA AZZURRI' in onda tutti i martedì alle ore 21 sul digitale terrestre 'AREA BLU TV'. Ospite fisso della trasmissione "SORRISI E PALLONI" in onda su Radio Punto Nuovo e su Capri Event TV. Opinionista della trasmissione televisiva "NAPOLI CALCIO LIFE" in onda su Capri Event TV e TeleCapri Sport. Autore e produttore della trasmissione televisiva "PIANETAZZURRO TV" in onda su RTN. ATTUALMENTE: presidente dell'associazione giornalistica AGiCaV; direttore editoriale del periodico cartaceo “PIANETAZZURRO” ; direttore generale dell'omonimo portale sportivo www.pianetazzurro.it , del sito di cronaca e intrattenimento www.campaniaveritas.it e della guida gastronomica www.golosando.eu