Tapiro d’Oro per Sarri: “Chiedo scusa, ma ho avuto amici gay: non sono omofobo”

SarriAtalantaBisSono arrivate anche le telecamere della trasmissione satirica di Canale 5, Striscia la Notizia, stamattina nel centro sportivo del Napoli a Castel Volturno. A Maurizio Sarri è stato infatti recapitato, dall’inviato Valerio Staffelli, il classico Tapiro d’Oro dopo quanto accaduto ieri durante Napoli-Inter. Dopo essersi già scusato ieri sera, l’allenatore del Napoli ha ribadito anche oggi le sue scuse e ha fatto presente di aver avuto in passato amici omosessuali, purtroppo deceduti di recente, e ha affermato di non essere affatto omofobo. Questo è quanto riferisce l’edizione online della Gazzetta dello Sport che titola “Sarri: chiedo scusa, ma ho avuto amici gay: non sono omofobo

fonte – CN24

Commenti

Questo articolo è stato letto 878 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!