Ecco Juventus – Napoli: un gran giorno di sport tra la festa dei tifosi e l’allarme sicurezza

TORINO è pronta a vivere uno dei giorni di sport più emozionanti di quest’anno: stasera allo Juventus Stadium saranno in 40 mila a gustare la sfida tra Allegri e Sarri, tra Dybala e Higuain, tra Pogba e Hamsik. Comunque vada Juve-Napoli sarà una festa e la Questura ha elaborato un minuzioso piano di sicurezza per far sì che nulla possa rovinarla . Prevede anche posti di blocco lungo alcune delle strade verso lo stadio, metal detector agli ingressi, bonifiche nei luoghi molto frequentati. Sia per l’aumento dei controlli che per il traffico del sabato sera, i cancelli sono aperti già alle 18, in anticipo, per consentire a tutti di entrare con calma. Per chi vuole arrivare prima la Juventus aprirà il suo JMuseum dalle 10.30 alle 20. Per avvicinarsi allo stadio senza il problema del parcheggio (a pagamento) ci sono come sempre i mezzi pubblici Gtt: il 9b da piazza Bernini, il 62 da piazza Massaua. E chi non ha il biglietto? Tentare di entrare allo Stadium è inutile: il piano della Questura promette controlli ancora più serrati, anche alla luce del fatto che il settore ospiti è chiuso ai tifosi napoletani per questioni di sicurezza (la stessa cosa valse all’andata per gli ultrà della Vecchia Signora). In quello spicchio di stadio ci saranno i ragazzi delle giovanili bianconere, oltre a donne, anziani e bimbi degli Juventus Club Doc.
Chi non rientra nei 40 mila fortunati dovrà ripiegare sulla tv a pagamento

(Sky o Mediaset Premium): il fischio di inizio è alle 20.45. Come tutti i grandi eventi, Juve-Napoli si porta dietro il suo bagaglio di fatti curiosi: da segnalare un tifoso in arrivo in auto da Francoforte («1.500 chilometri per amore della Juve») e la pastiera “Higuain”, contornata di pupazzetti di giocatori partenopei, creata dal pasticcere di via Madama Cristina Pasquale Pisapia.

repubblica
Commenti