IL DOMANDONE – Il Napoli è ancora in corsa per il titolo o è meglio guardarsi alle spalle?

domandone-marzo-2016Roberto BECCANTINI (La Stampa) – Ci mancherebbe: il Napoli è ancora in corsa per il titolo a pieno… titolo. Tutti premono, anche il Napoli. D’altra parte, la sua domanda è elastica. Per tenere a bada le terze che premono, bisogna vincere. E vincendo si insidia la Juventus per lo scudetto. Non trova? La Juve è la più forte in Italia, ma avendo buttato dieci giornate non può più sbagliare. Con 17 vittorie in 18 partite ha solo 3 punti in più sulla seconda. E, ripeto, mancano ancora 10 giornate per un totale di 30 punti.

Rino CESARANO (Corriere dello Sport) – E’ in corsa più di prima,  perchè sono diminuite le partite e l’avversario non può andare sempre a mille. Se ci crede fino il fondo, il Napoli ha più chance di prima.

Francesco REPICE (RAI) – Ho visto campionati decidersi alle ultime 4 giornate. Ho visto rimonte impensabili solo un paio di mesi prima della fine del torneo. So per esperienza che basta un nulla per sovvertire anche gli equilibri più stabilizzati di una competizione a tappe. Il Napoli ha più chance di Fiorentina e Roma di contendere il titolo alla Juve. Ma è proprio adesso, dopo una miniserie di risultati negativi che si misura il valore di una squadra in grado di vincere lo scudetto.

Mimmo MALFITANO (Gazzetta dello Sport) – Il Napoli è a pieno titolo in corsa per lo scudetto. Il calo è fisiologico e, nel corsa della stagione, interessa tutte le squadre. Adesso, il calendario è favorevole almeno per le prossime cinque partite. Sarà importante non perdere contatto dalla Juve e arrivare alle sfide con Inter e Roma, consapevoli che se non si perdono lo scudetto potrebbe essere cosa fatta, soprattutto se la Juve dovesse continuare l’avventura in Champions League. Più che la Fiorentina, mi guarderei dalla Roma: sono convinto che da qui alla fine lascerà agli avversari pochissimi punti.

UMBERTO CHIARIELLO (Canale 21) – Bisogna guardare al primo posto per difendere il secondo: tutto è ancora possibile, io vedo il Napoli in corsa fino alla fine, se vince non so…

Gianfranco LUCARIELLO (Leggo) – Guardando avanti il Napoli riuscirà anche a coprirsi le spalle giacchè i club che inseguono puntano apertamente al secondo posto. Si sta già scatenando la bagarre.

Maurizio NICITA (Gazzetta dello Sport) – Non essendo una gara ciclistica non esistono tattiche che non siano cercare di vincere più partite delle ultime undici. Senza impegni infrasettimanali sono convinto che ogni domenica Sarri presenterà una squadra brillante in grado di vincere.

MASSIMO D’ALESSANDRO (Radio Marte) – Il Napoli è pienamente in corsa per lo Scudetto. La Juve non è imbattibile e manca ancora tanto alla linea del traguardo. Non credo che sia a rischio il secondo posto.

Lucio PENGUE (Radio Kiss Kiss Napoli) – Tre punti dalla capolista non sono una distanza incolmabile. Il Napoli ad undici giornate dal termine può ancora puntare all’obiettivo grosso. Lo scudetto deve essere il vero ed unico chiodo fisso della squadra. Puntare sempre al massimo, non sono nel calcio, ma anche nella vita. Provarci fino alla fine, tallonare la Juventus, mettere pressione alla capolista e non mollare mai. Se il Napoli farà così avrà ottenuto due obiettivi importantissimi: innanzitutto non avrà rimpianti e poi male che vada arriverà seconda e quindi conquisterà il pass diretto alla prossima edizione della Champions League. Il Napoli in sintesi devi fare una sola cosa: CREDERCI!

Marco BELLINAZZO (Il Sole 24 Ore) – Bisogna vincere per consolidare il secondo posto.  Lo scudetto ora lo può solo perdere la Juventus.

Michele SIBILLA (Radio Punto Zero) – Mai come in questa stagione ci sono ragioni per crederci ancora ed altre che consiglierebbero di guardarsi alle spalle. Alla fine, i tre punti di distacco dalla vetta sono davvero nulla, se paragonati ai cinque di vantaggio sulle terza/quarta, che, se non ti suicidi, sono una garanzia sufficiente per blindare almeno il secondo posto, che, personalmente, considero già un risultato straordinario. Molto peserà il bilancio delle prossime cinque gare, con la Juventus che ne giocherà tre in trasferta, con Atalanta, il derby con il Torino e la sfida di San Siro con il Milan, mentre il Napoli, almeno sulla carta, avrà avversari più abbordabili e tre gare su cinque in casa. Ora che Sarri potrà concentrarsi solo sul campionato, potrà anche gestire al meglio le risorse e, soprattutto, le energie del gruppo, che credo possano assicurargli massimo rendimento fino a fine stagione. Non mi illudo, invece, su un eventuale calo della squadra di Allegri, per le fatiche di coppe, a prescindere da cosa succederà all’Allianz Arena. Resto convinto che tra il 24 ed il 25 aprile si deciderà molto, praticamente tutto e speriamo di festeggiare una doppia liberazione: quella tradizionale, civile e quella sportiva, dal dominio incontrastato della Juventus in campionato.

Carlo CARIONE (RAI) – Vive il paradosso, il Napoli. Pienamente in corsa per il titolo, la squadra di Sarri non può però più permettersi il lusso di perdere ancora molti punti. Alle spalle degli azzurri, Roma e Fiorentina alimentano a loro volta ambizioni da secondo posto. Decisivo, o comunque molto importante, il ciclo che comprende le prossime cinque partite. A quel punto, ritengo che un po’ per tutti saranno meglio delineati i rispettivi obiettivi.

Marco LOBASSO (Leggo) – Il Napoli c’è. Per come ha giocato a Firenze deve concentrarsi solo sulla Juve. Che prima o poi dovrà pagare lo sforzo della rimonta.  Non si cerca la vittoria fino al 95′ a Firenze, se non si è diventati grande squadra.

Antonio SASSO (Il Roma) – Sì che è in corsa. Occorre vincere le prossime cinque partite per non perdere di vista la Juve e aumentare il distacco dalle inseguitrici. E il Napoli ha certamente le carte in regola per centrare questo primo obiettivo prima del rush finale.

Gianluca MONTI (Gazzetta dello Sport) – È in corsa, guardare avanti servirà a coprirsi le spalle.

Angelo POMPAMEO (Julie Italia) – Il Napoli è certamente in corsa per il titolo. A mio avviso da dietro deve guardarsi solo dalla Roma, visto che dovrà’ andare proprio all’Olimpico fra otto partite. Il fatto di giocare una partita a settimana permettera’ a Sarri di gestire meglio le risorse fisiche della squadra ed affrontare tutte le partite fino al termine del torneo con lo stesso spirito con cui ha condotto fin qui il campionato.

Liberato FERRARA (Cronache di Napoli) – Il Napoli è assolutamente in corsa per il titolo: tre punti sono nulla, sono una partita. Per lo stesso motivo Fiorentina e Roma fanno bene a sperare nel secondo posto, quindi è giusto anche guardarsi le spalle Ma in questo momento non si possono fare calcoli: bisogna vincere sempre. Calcoli eventualmente, speriamo di no, si possono fare prima di Roma-Napoli alla quart’ultima, ma adesso bisogna solo pensare a vincere.

Roberto ESSE (Radio Club 91) – Il Napoli è in corsa per lo scudetto, ma la grande fatica accusata da una rosa esigua sta creando parecchi problemi alla squadra di Sarri. In ogni caso meglio rimettere a distanza le terze forze per  poi concentrarsi al meglio sull’ultima parte della stagione.

Ennio FO (Tele A) – Il Napoli deve puntare alla Juve perchè solo con questo spirito terrà a distanza Roma, Fiorentina e Inter.

Antonello GALLO (Telecapri) – Io credo che attualmente tutto sia ancora aperto, tre punti non sono insormontabili e la juve ha sulla carta un calendario più ostico. Piuttosto è il Napoli che deve essere all’altezza di non perdere colpi, siccome questo torneo si deciderà nelle ultimissime giornate e saranno per me il fattore fisico e i punti racimolati con le “deboli” a decretare lo scudetto. Al momento non mi preoccupa la rincorsa di Roma e Fiorentina che reputo ancora a distanza di sicurezza e fra le due squadre sono i giallorossi a far più paura.

Dario DE SIMONE (Radio Traffic) – Non ho mai creduto più di tanto in un Napoli realmente in lotta per lo scudetto. Le due cose ora sono totalmente collegate: se il Napoli riesce, conquistando almeno 10 punti nelle prossime 4 partite, a respingere il ritorno di Fiorentina e Roma, può serenamente affrontare il finale di campionato sapendo di non aver più nulla da perdere e quindi diventando una minaccia pericolosissima per una Juventus che ha ancora tre partite difficilissime contro Torino, Milan e Fiorentina.

Fabrizio CAPPELLA (RAI) – Credo che il Napoli abbia ancora tutte le carte in regola per puntare al titolo, sia pure con percentuali ridotte rispetto a qualche settimana fa. I passi falsi che la Juve ha commesso non sono stati sfruttati e per come si è dimostrata solida la formazione di Allegri è difficile sperare in altre disattenzioni. Il calendario però potrebbe ancora regalare qualche sorpresa. Tra Roma e Fiorentina mi sembra decisamente più in forma la squadra di Spalletti, e lo scontro diretto in casa potrebbe rappresentare un teorico vantaggio ma la mia sensazione è che il Napoli abbia ritrovato le proprie certezze e soprattutto il miglior Higuain quindi ritengo blindato il secondo posto.

Facci sapere tu cosa ne pensi, rispondendo nel gruppo Facebook ‘PianetAzzurro’ qui:

www.facebook.com/groups/pianetazzurro/

Commenti
avatar

Vincenzo Letizia

Giornalista sportivo, nasce a Napoli il 16/02/1972. Tante le esperienze professionali: collaboratore dei quotidiani “IL TEMPO”, “NAPOLI NORD”, “LA VERITA'”, “DOSSIER MAGAZINE”, “CRONACHE DI NAPOLI”, dei mensili “L’OASI” e “IL VOMERESE”. Corrispondente da Napoli del quotidiano “IL GOLFO”, redattore del periodico “CORRIERE DEL PALLONE”, direttore editoriale del settimanale di scommesse sportive 'PianetAzzurro FreeBet'. Responsabile dei servizi sportivi del “CORRIERE DI CASERTA”. Tra i collaboratori del ‘laboratorio di giornalismo e di comunicazione’ diretto da Michele Plastino. Inviato della trasmissione radiofonica “ZONA MISTA” in onda su CRC targato Italia. Più volte ospite alle trasmissioni televisive “Campania Sport” e “PANE E PALLONE” in onda su Canale 21, “ULTRAZOOM” in onda su TCS, “TRIBUNA Sport” in onda su Televomero, “Sotto Rete” in onda su TLA. Ideatore ed opinionista della trasmissione WEB/RADIO 'MONDO CALCIO' andata in onda sulla Tele5 Napoli tutti i lunedì alle 18,00 e i venerdì alle 21,30. Ha curato ogni sabato pomeriggio, intorno alle ore 16,30, la rubrica radiofonica su 'RADIO PUNTO ZERO' (FM 102.00) 'LA BOLLETTA' all'interno del seguitissimo programma 'Zero Magazine' in onda dalle 16:00 alle 19:00 (su www.rpz.it in Live Streaming). Ideatore e conduttore del programma TV 'CALCIOMERCATO & SCOMMESSE MONDIALI' andato in onda su Area Blu TV durante il Mondiale sudafricano. Opinionista fisso del programma TV 'AREA AZZURRI' in onda tutti i martedì alle ore 21 sul digitale terrestre 'AREA BLU TV'. Ospite fisso della trasmissione "SORRISI E PALLONI" in onda su Radio Punto Nuovo e su Capri Event TV. Opinionista della trasmissione televisiva "NAPOLI CALCIO LIFE" in onda su Capri Event TV e TeleCapri Sport. Autore e produttore della trasmissione televisiva "PIANETAZZURRO TV" in onda su RTN. ATTUALMENTE: presidente dell'associazione giornalistica AGiCaV; direttore editoriale del periodico cartaceo “PIANETAZZURRO” ; direttore generale dell'omonimo portale sportivo www.pianetazzurro.it , del sito di cronaca e intrattenimento www.campaniaveritas.it e della guida gastronomica www.golosando.eu