Si va a Roma, Mancini non si nasconde: “Sarebbe importante vincere”

Vigilia fondamentale per l’Inter che sabato sera, sul campo della Roma, si gioca probabilmente le ultime possibilità di agganciare quel terzo posto fissato come obiettivo minimo stagionale già da agosto. La compagine nerazzurra è reduce da due vittorie consecutive che l’hanno rilanciata in classifica e si presenterà alla sfida dell’Olimpico con rinnovate ambizioni.

Roberto Mancini, nella consueta conferenza stampa di presentazione del match, ha spiegato: “Icardi è da valutare, oggi vedremo come sta. Parleremo con lui e poi prenderemo una decisione“.

L’Inter è attesa da una sfida nella quale si gioca ovviamente moltissimo: “I ragazzi sanno che quella di domani sarà una partita importante. Non so se si può parlare di gara decisiva perchè ci sono ancora tanti punti in palio e il campionato è aperto ad ogni soluzione, però siamo noi ad inseguire e sarebbe importante vincere“.

La Roma in questo momento non è certamente la squadra più semplice da affrontare: “Parliamo di una squadra che è partita per vincere. Abbiamo sempre detto che insieme a Juve e Napoli era la squadra più forte. E’ rimasta un po’ indietro ma ha recuperato con un filotto di vittorie. E’ una squadra che ha dei valori, giocano insieme da tanto tempo e viene da due secondi posti consecutivi. In una partita poi può accadere di tutto, non vince sempre il più forte“.

Mancini si è soffermato sulle condizioni di alcuni dei suoi giocatori: “Kondogbia si è allenato e verrà con noi, in seguito decideremo se farlo giocare da subito o meno. Brozovic mi ha detto che ha male alla testa… credo però che stia abbastanza bene“.

In questa fase cruciale della stagione, l’Inter avrà bisogno anche dei goal di Eder: “Lui ha sempre giocato bene, ha ricevuto delle critiche che non capisco. Gli manca il goal ma il calcio è così, presto tornerà a segnare“.

I nerazzurri sono stati protagonisti di un campionato altalenante che li ha visti perdere la scia delle primissime in questo inizio di 2016: “Il mio rammarico è quello di aver perso tante partite nel girone di ritorno, a volte anche in maniera immeritata. Proviamo a vincere domani, se dovessimo farcela saremmo in una buona posizione“.

L’Olimpico rappresenta un campo durissimo ma Mancini non firma per un pareggio: “Si scende sempre in campo per vincere ed è quello che faremo anche domani. A fine partita vedremo cosa saremo riusciti a raccogliere, intanto però pensiamo a vincere. Speriamo possa essere una bella gara“.

Mancini si è anche soffermato su un paio di elementi della Roma: “Su Totti posso dire che non ha bisogno dei miei consigli. Dzeko ha alternato cose buone ad altre meno buone ma parliamo di un giocatore molto forte che secondo me può fare molto bene alla Roma“.

Il tecnico nerazzurro non ha nascosto la possibilità di sfruttare la velocità di Biabiany: “Lui è uno che quando entra può cambiare la partita, può essere un’arma a gara in corso“.

Perdendo all’Olimpico, l’Inter vedrebbe allontanarsi in maniera importante il terzo posto: “Tutto diventerebbe più complicato ma ci sono ancora tanti punti a disposizione. Fichè la matematica dice che ancora tutto è in gioco proveremo a farcela, poi ovviamente noi speriamo di riuscire a vincere, sarebbe importante“.

La Roma ha spiccato il volo con il ritorno di Spalletti: “E’ sempre stata forte e a gennaio ha preso giocatori che hanno dato un qualcosa in più. Spalletti conosceva l’ambiente ed ha portato dei valori ma anche Garcia ha fatto bene e non è meno bravo di Spalletti“.

L’Italia ha visto uscire tutte le sue squadre dalle competizioni europee già agli ottavi di finale: “E’ un momento così, adesso sappiamo che sarà più dura conquistare quel quarto posto che può valere la Champions“.

goal.com

Commenti

Questo articolo è stato letto 501 volte