AMARCORD: Napoli-Verona

Il popolare detto nell’ auspicio che l’incontro di domenica finisca in goleada come gli ultimi due; ben undici reti nella porta dei malcapitati gialloblu’. L’anno scorso, 26 ottobre 2014, finì 6-2. Veneti in vantaggio già al 1° con Hallfredsson, pari agguantato da Hamsik al 44° prima del vantaggio, ancora Marekiaro, al 58°. Nico Lopez per il 2-2 al 67° quindi si scatenò Higuaìn che siglò la sua prima tripletta italiana (un rigore) più la rete di Callejon La stagione precedente, il 18 maggio, era ultima giornata di campionato e l’incontro si giocò a porte chiuse a causa degli incidenti prima della finale di Coppa Italia all’ Olimpico. La gara non aveva nulla da dire: azzurri saldi al terzo posto, gialloblu’ a metà classifica, ben distanti dalle zone calde.

La partita finì 5-1 con reti di Callejon e doppietta di Zapata (già 3-0 al 25°) quindi nella ripresa un’altra doppietta, Mertens, intervallata dal gol bandiera di Iturbe.

Prima di queste due roboanti vittorie, l’ultimo Napoli-Verona risale al 13 gennaio 2007 con il successo degli azzurri per 1-0, rete di Bucchi. Fu il campionato della definitiva promozione in A del Napoli e della retrocessione in C1 dei veneti dopo i playout. Sempre tra i cadetti, il 25 gennaio 2004 terminò 2-2 e la doppietta di Perovic ribaltò il vantaggio per gli ospiti di Salvetti prima del definitivo pari di Adailton.

Napoli-Verona non si disputava nella massima dal 20 maggio 2001 quando gli azzurri si imposero 2-0 con reti di Pecchia e Amauri. Lo 0-0 del ’99 segnò la fine di un lungo periodo di astinenza: le due squadre non si incontravano dal settembre ’91 ed il 3-1 finale con le reti di Crippa, Careca e Padovano, Prytz su rigore per i gialloblu, la dicono lunga su quanto tempo era passato.

Parlando dei tempi d’oro del Napoli capitanato da Maradona nell’anno del secondo tricolore, 21 gennaio 1990, finì 2-0 grazie all’autorete di Giacomarro ed al raddoppio del Pibe. Di Alemao il gol vittoria nell’1-0 del 29 aprile 1989 ed una pioggia di reti il 20 dicembre 1987 per un 4-1 con reti di Maradona, doppietta di Giordano, Bagni (gol e autogol). Ancora cinque reti, stavolta tutte nella porta del Verona, il 20 ottobre dell’85, per la vittoria che vide una tra le più belle realizzazioni di Maradona in maglia azzurra: un pallonetto da centrocampo perfettamente calibrato che sbatté sul palo e finì dietro le spalle del compianto Giuliani, estremo difensore degli scaligeri che quell’anno, va ricordato, erano i campioni d’Italia.

Risale a più di trent’anni fa l’ultimo successo dei veneti al San Paolo: 1-2, doppietta di Fanna, rete della bandiera di Claudio Pellegrini.

Commenti