IL DOMANDONE – Dopo i soprusi arbitrali, fa bene De Laurentiis a restare in silenzio? Secondo posto a rischio senza Higuain?

Queste le domande che poniamo questo mese ai vari colleghi intervenuti per il ‘Domandone’.

1) Dopo i soprusi arbitrali subiti dal Napoli, fa bene De Laurentiis a restare in silenzio?

2) Dopo la maxi squalifica inflitta ad Higuain, il Napoli deve temere di perdere anche il secondo posto?

————————————————-

Paolo DELGENIO (Canale 8) – Si, ma dopo il ricorso per Higuain deve parlare con forza

Difficile, ma il rischio c’è. Se gioca come ha sempre fatto però mantiene il secondo posto.

Rosario PASTORE (Gazzetta dello Sport) – Rosario Pastore – Non sempre sono d’accordo col collega e amico Antonio Corbo, nell’ultimo “Graffio”, però, ha scritto una cosa sacrosanta: de Laurentiis nob può andare in lega solo a discutere delle quote tv, deve anche farsi rispettare. Ora deve far sentire alta la propria voce, come fanno tutti, senza temere di “disturbare” qualche potente pseudo – alleato.

Il Napoli deve temere sì. Innanzitutto per le due micidiali trasferte a San Siro e all’Olimpico ma specialmente perché, a quanto mi è parso di capire, il “sistema” vedrebbe tanto volentieri una Roma qualificata in Champion’s direttamente.

Roberto BECCANTINI (La Stampa) – Premesso che scrivere di “soprusi arbitrali” è esagerato, DeLaurentiis fa benissimo a restare in silenzio. Il silenzio è sempre d’oro.

La Roma merita rispetto al di là della squalifica di Higuain. E’ la squadra più in forma del momento.

Antonio SASSO (Il Roma) – Spero che il presidente, in silenzio, abbia fatto sentire la sua voce nel Palazzo che conta. Lui sa bene a chi rivolgersi per ottenere la riduzione della squalifica di Higuain…

Basta non perdere la bussola e il secondo posto sarà del Napoli, nonostante la Roma sia in agguato. Sono certo che Gabbiadini riuscirà a sostituire degnamente Higuain. Con il gioco di Sarri Manolo avrà le palle buone per scatenarsi e far vedere il suo valore.

Mimmo MALFITANO (Gazzetta dello Sport) – No, perché i suoi silenzi danno il senso della resa, danno l’idea che il club abbia accetatto passivamente la squalifica di Higuain. Invece, di lamentarsi anche dell’aria che respirano, farebbero meglio a sbatetre i pugni sui tavoli che contano.

Non credo che il secondo posto sia attaccabile, anche se c’è lo scontro diretto in programma all’Olimpico, contro la Roma. A meno di un crollo totale, l’organico è in grado di vincerle tutte da qui alla fine. Le uniche due gare con un grando di diffiicoltà alto sono Inter e Roma. La prima si può battere, perché è una mezza squadra, la seconda è più difficile, ma anche se la pareggiasse sarebbe un grande risultato, perché nonc redo che la Juve le vincerà tutte.

UMBERTO CHIARIELLO (Canale 21) – De Laurentiis interverrà personalmente davanti al giudice col giocatore ma avrebbe dovuto far sentire sui media alta e forte la posizione della società.

Si, il secondo posto è a rischio ma a Roma il Pipita ci sarà e il Napoli salverà la seconda posizione.

Massimo D’ALESSANDRO (Radio Marte) – Il Napoli ha perso ad Udine perché ha giocato la peggiore partita dell’anno e non per l’arbitraggio. De Laurentiis faccia sentire stia vicino alla squadra, come quasi sempre ha fatto.

Il Napoli deve inseguire il sogno bis, la qualificazione diretta alla CL che nessuno avrebbe ipotizzato ad inizio stagione. Impossibile immaginare cali di tensione. Il Napoli riprenderà la sua marcia e la Roma si accontenterà della terza piazza.

Lucio PENGUE (Radio Kiss Kiss Napoli) – Meglio il silenzio. Queste situazioni delicate si affrontano nelle segrete stanze dei bottoni e non pubblicamente. Sono sicuro che il presidente De Laurentiis si sia fatto sentire con chi di dovere. Il Napoli deve guardare sempre avanti e puntare al massimo obiettivo. Mancano poche giornate, il cammino è in salita. Ma guai a guardarsi dietro, sarebbe un segno di debolezza…

Marco BELLINAZZO (Il Sole 24 Ore) –  Il Napoli non deve protestare pubblicamente ma dialogare con le istituzioni calcistiche.

Perdere il secondo posto significherebbe mettere a repentaglio 40 milioni almeno.

Marco LOBASSO (Leggo) – A fine gennaio i buoi sono scappati dalla stalla. Il mercato si è chiuso e amen. De Laurentiis può parlare quanto vuole…

Il napoli deve dimostrare di meritare il secondo posto. Lo vale  ma deve lottare come Sarri ha abituato a fare. Dal 16 maggio poi si discute.

Gianluca MONTI (Gazzetta dello Sport) – Secondo me sì, deve agire all’interno del Palazzo senza esternazioni di sorta.

Non credo, il calendario è favorevole: servono quattro vittorie in casa ed un successo a Torino per poi giocarsi due jolly contro Inter e Roma.

Angelo POMPAMEO (Julie Italia) – Credo che il presidente attenda di conoscere il verdetto di appello per poi dire la sua; se vogliamo è’ un atteggiamento istituzionalmente corretto che mi auguro porti i suoi frutti e cioè una riduzione sensibile della squalifica.

Sul secondo posto il napoli ha tutti le qualità e i numeri per continuare la sua corsa verso quello che mi sembra una posizione strameritata fino ad ora. Il calendario non aiuta il Napoli, ma il gruppo può superare indenne la trasferta di Milano crocevia a questo punto di una stagione da incorniciare.

Liberato FERRARA (Cronache di Napoli) – De Laurentiis dovrebbe imparare a parlare nelle stanze che contano, evitando pagliacciate dinanzi ai microfoni. Altrimenti verrà sempre penalizzato, anche perché il personaggio è antipatico a pelle a tutti, e non ispira nulla di positivo. Lui che non perde mai neanche occasione per ricordare che è il più bravo di tutti perché ci guadagna col calcio dove tutti perdono perché non sono capaci.

Il secondo posto è a rischio, chiaramente, anche se quattro punti sono tanti. Vero che c’è lo scontro diretto a Roma, ma non sta scritto da nessuna parte che il Napoli lo perda. Per altro, e parlo da tifoso, a me del secondo posto non frega nulla. Tanto la Champions non la vinciamo di sicuro. Il secondo posto sarebbe solo un premio per una società che non ha voluto investire nulla a gennaio, e che si ritroverebbe una valanga di soldi in più. Parlo da tifoso deluso, non c’è dubbio, ma a me che la società prenda 40 milioni non frega nulla.Meglio non fare la Champions, fare solo il campionato.

Roberto ESSE (Radio Club 91) – Il presidente De Laurentiis ha fatto bene a restare in silenzio. Del resto Higuain si è comportato in maniera tale da fare ribaltare la situazione del Napoli nei confronti dei tanti torti subiti.

Senza il suo bomber il Napoli diventa una squadra normale e deve fare attenzione anche al secondo posto.

Ennio FO (Tele A) – De Laurentiis deve cmq lamentarsi SEMPRE come fanno loro, la smetterei di parlare di soprusi arbitrali ed incomincerei a guardare meglio in casa Napoli dove come temevo, l’ambiente in tutte le sue componenti sta dimostrando che viaggiare a certe quote o ti abitui o poi ti gira la testa. Per Higuain non parlerei di maxi squalifica vista la reazione del calciatore ma di gioco delle parti visto che saranno ridotte a tre o due giornate

Il Napoli deve continuare a guardare alla Juve perché non tutto è matematicamente perduto e perché solo così può guardarsi dalla Roma.

Antonello GALLO (Telecapri) – De Laurentiis dovrebbe imparare che il silenzio è “d’oro” da altri casi precedenti. Molto spesso i suoi indiscutibili meriti li ha bruciati in nome di proclami inopportuni ed intempestivi. Che stia in silenzio ora, pare strano ma proficuo.

Credo che la mancanza del Pipita costi davvero tanto e la speranza è che non sia per 4 turni. Se il Napoli inizia a temere anche per la seconda piazza, la situazione è grave ed al di là di Higuaìn. Da scaramantico non oso neppure pensarlo!

Dario DE SIMONE (Radio Traffic) – De Laurentiis fa bene a patto che si faccia sentire nei luoghi dove veramente conta. Le urla e i dossier sui torti arbitrali sono utili solo a gettare fumo negli occhi dei tifosi

Il Napoli rischiava anche prima di domenica, tanto più rischia ora che dovrà fare a meno di Higuain.  L’augurio è che rientri proprio all’Olimpico e che segni il gol decisivo per consegnarci un secondo posto che sarebbe davvero un traguardo miracoloso.

Commenti
avatar

Vincenzo Letizia

Giornalista sportivo, nasce a Napoli il 16/02/1972. Tante le esperienze professionali: collaboratore dei quotidiani “IL TEMPO”, “NAPOLI NORD”, “LA VERITA'”, “DOSSIER MAGAZINE”, “CRONACHE DI NAPOLI”, dei mensili “L’OASI” e “IL VOMERESE”. Corrispondente da Napoli del quotidiano “IL GOLFO”, redattore del periodico “CORRIERE DEL PALLONE”, direttore editoriale del settimanale di scommesse sportive 'PianetAzzurro FreeBet'. Responsabile dei servizi sportivi del “CORRIERE DI CASERTA”. Tra i collaboratori del ‘laboratorio di giornalismo e di comunicazione’ diretto da Michele Plastino. Inviato della trasmissione radiofonica “ZONA MISTA” in onda su CRC targato Italia. Più volte ospite alle trasmissioni televisive “Campania Sport” e “PANE E PALLONE” in onda su Canale 21, “ULTRAZOOM” in onda su TCS, “TRIBUNA Sport” in onda su Televomero, “Sotto Rete” in onda su TLA. Ideatore ed opinionista della trasmissione WEB/RADIO 'MONDO CALCIO' andata in onda sulla Tele5 Napoli tutti i lunedì alle 18,00 e i venerdì alle 21,30. Ha curato ogni sabato pomeriggio, intorno alle ore 16,30, la rubrica radiofonica su 'RADIO PUNTO ZERO' (FM 102.00) 'LA BOLLETTA' all'interno del seguitissimo programma 'Zero Magazine' in onda dalle 16:00 alle 19:00 (su www.rpz.it in Live Streaming). Ideatore e conduttore del programma TV 'CALCIOMERCATO & SCOMMESSE MONDIALI' andato in onda su Area Blu TV durante il Mondiale sudafricano. Opinionista fisso del programma TV 'AREA AZZURRI' in onda tutti i martedì alle ore 21 sul digitale terrestre 'AREA BLU TV'. Ospite fisso della trasmissione "SORRISI E PALLONI" in onda su Radio Punto Nuovo e su Capri Event TV. Opinionista della trasmissione televisiva "NAPOLI CALCIO LIFE" in onda su Capri Event TV e TeleCapri Sport. Autore e produttore della trasmissione televisiva "PIANETAZZURRO TV" in onda su RTN. ATTUALMENTE: presidente dell'associazione giornalistica AGiCaV; direttore editoriale del periodico cartaceo “PIANETAZZURRO” ; direttore generale dell'omonimo portale sportivo www.pianetazzurro.it , del sito di cronaca e intrattenimento www.campaniaveritas.it e della guida gastronomica www.golosando.eu