Povero Diavolo, pari con il Frosinone. Sorpasso Sassuolo

I tabellini e le pagelle

Che il Milan potesse perdere due partite consecutive rispettivamente con l’ultima e la penultima in classifica, onestamente, non l’avrebbe potuto credere nemmeno il più ottimista dei detrattori rossoneri o il piùà pessimista tra i tifosi milanisti. Ma è quasi successo, tra l’incredulità generale di un pubblico, quello di San Siro, che ha dovuto subire l’ennesima umiliazione di una stagione che sarebbe dovuta essere del riscatto e che, invece, sta diventando un incubo senza fine. Alla fine il pareggio per 3-3 non allevia le sofferenze, aiuta solo un pochettino ad affrontare il futuro.

E non regge nemmeno la motivazione che voleva un Frosinone più motivato perché invischiato nella lotta per non retrocedere perché il Milan con questa sconfitta viene superato dal Sassuolo in classifica e in una siffatta situazione resta obbligato a vincere la Coppa Italia per partecipare all’Europa League nella prossima stagione.

Le colpe? Forse l’ultimo ad averne è Brocchi, di certo si è trovato a lavorare in una situazione quasi impossibile. Per il futuro, tutto da decidere dalla società, per le incertezze tecniche che poi l’allontanamento di Mihajlovic ha evidenziato ancora di più. I gol, in apertura e chiusura del primo tempo, del Frosinone non hanno certo aiutato e il rigore fallito da Balotelli ha minato le poche speranze di rimonta. La rete di Bacca sembrava aver ridato animo al Milan, il terzo gol del Frosinone speranze di salvezza alla squadra di Stellone. La rovesciata di Antonelli ha reso il finale ricco di suspance e il rigore di Menez non cancella l’onta di una prestazione non all’altezza. Il Milan pareggia 3-3 ancora fischiato dai suoi tifosi, con l’Europa in bilico perché, dal canto suo, il Sassuolo ha battuto il Verona e ha compiuto un sorpasso che, tutto sommato, è meritato.

Il pari del Frosinone, non solo, condiziona la lotta per l’Europa League, ma più direttamente non elimina le speranze di salvezza dei ciociari. Anche il Palermo ha approfittato della sconfitta del Carpi e grazie a Vazquez e ad un autogol è riuscito a battere la Samp. Tre squadre in 4 punti e una situazione che resta in bilico. Verdetti definitivi non ce ne sono, salvezza aritmetica del Bologna a parte dopo il pari con l’Empoli. Un motivo in più per seguire gli ultimi 180′ della serie A

 Fonte: SkySport

Commenti