Juventus, Zidane: ”Morata? Non è detto torni al Real”

Juventus, Zidane: ''Morata? Non è detto torni al Real''Zinedine Zidane (lapresse) BORGARO TORINESE – “Tornare alla Juve da allenatore? Mai dire mai, con questo club c’è qualcosa di particolare”. Zinedine Zidane non esclude una second life bianconera. Per sé e nemmeno per Morata: “Credo che la Juve lo voglia tenere almeno un altro anno. In Italia è cresciuto molto. Vedremo cosa succederà, non è ancora il momento per parlarne. La stagione è appena finita, ma nelle prossime settimane qualcosa succederà”. A sentire Zidane, il Real Madrid potrebbe fare a meno del figliol prodigo, comunque candidato a rientrare alla Casa Blanca per 30 milioni per poi essere venduto al doppio o quasi in Inghilterra (Arsenal, Chelsea, United) oppure Francia (Psg). Sembra molto più definito il futuro di Isco, che salvo colpi di scena resterà a Madrid: “Se lo consiglierei alla Juve? No, Isco è un nostro giocatore. E non si muoverà dal Real”, trancia Zizou, a margine dell’inaugurazione alla presenza anche dell’ad bianconero Beppe Marotta del primo “Z5” italiano, un avveniristico centro sportivo a Borgaro Torinese ideato per chi AMA il calcio a 5.

“POGBA E’ UN GRANDE, MA IL REAL DOVRA’ ASPETTARE” – Il Real Madrid potrebbe presto uscire allo scoperto per Pogba, ieri blindato (ma non troppo…) dal presidente bianconero Andrea Agnelli. “Se Pogba è già da Real? Paul è un grande giocatore che potrebbe fare bene in qualsiasi squadra – prosegue Zidane, che stravede per il suo connazionale -. Chiunque lo vorrebbe, ma è un calciatore della Juventus. E allora dobbiamo aspettare”. Il suo numero 21 è ora indossato da Dybala, promosso a pieni voti dal tecnico neo campione d’Europa: “Dopo di me e Pirlo c’è un giovane che sta facendo benissimo con la nostra maglia. Non conosco Paulo personalmente, ma mi hanno detto che ha la giusta mentalità”.
Promossa anche la Juve, finalmente all’altezza delle sue grandi ambizioni: “Se è pronta per vincere la Champions? La Juve in questi ultimi anni è cresciuta molto, può vincere tutto e fare grandi cose in Europa. Ma non dimenticate che io sono l’allenatore del Real Madrid, e allora preferisco che sia la mia squadra a vincere la Champions”.

“EUROPEI CON SORPRESA, MA NON CHIEDETEMI QUALE” – Quanto agli Europei alle porte nella sua Francia, Zidane è convinto che “sul podio vedremo una sorpresa, ma non so ancora quale”. Chissà che non sia proprio l’Italia di Conte, che parte con l’etichetta di outsider: “Non conosco bene la vostra Nazionale, ma quando ci sono grandi competizioni la squadra azzurra ottiene sempre risultati importanti. Detto questo, speriamo che gli Europei vadano al meglio anche sotto l’aspetto della sicurezza. In questo senso, c’è grande consapevolezza”. La Francia multietnica dovrebbe essere un esempio di integrazione in un momento in cui in Europa si alzano le barriere alle frontiere: “Certe questioni sono importanti, ma lo sport dovrebbe pensare soltanto a divertire la gente – conclude Zidane -. Noi siamo tutti uguali. Io comunque non sono la persona più adatta per parlare di queste cose”. Il fuoriclasse francoalgerino ha comprensibilmente dribblato la querelle legata alle ultime dichiarazioni di Benzema, il grande escluso da Euro 2016 che ha accusato il Ct francese Deschamps di essersi “piegato alle pressioni di una parte razzista della Francia”. 

juventus

serie A
Protagonisti:
zinedine zidane

Fonte: Repubblica

Commenti