Chievo, Maran: “Non conosco il calcio di De Boer, con l’Inter partita alla cieca”

Chievo, Maran: "Non conosco il calcio di De Boer, con l'Inter partita alla cieca"Rolando Maran (lapresse) VERONA – L’esordio stagionale è ormai alle porte e il Chievo vedrà il suo campionato iniziare con l’incognita Inter. Il recente cambio sulla panchina nerazzurra, con De Boer che ha preso il posto di Mancini, mette un po’ in apprensione Rolando Maran al quale però non mancano gli stimoli: “In effetti – spiega il tecnico dei clivensi nella conferenza stampa a Veronello – stiamo preparando una partita alla cieca. L’Inter con il nuovo allenatore ha giocato una sola gara, dunque sono tante le incognite. Dobbiamo fare affidamento sulle nostre certezze e sui nostri punti di forza. Del resto giochiamo davanti al pubblico di casa contro un club blasonato. E’ una gara dal sapore particolare, gli esordi sono sempre un grande stimolo. Abbiamo voglia di misurarci, giochiamo contro una squadra che ha tante motivazioni, ma anche noi abbiamo voglia di ribadire a tutti che possiamo confermarci ai livelli dello scorso anno”.

Ripetersi non sarà facile, anche se Maran sembra avere le idee chiare: “In un campionato come il nostro non c’è nulla di scontato. Siamo orgogliosi di quanto fatto nella passata stagione, ma ci sono nuove sfide da affrontare e serve lo stesso atteggiamento e lo stesso spirito di squadra che abbiamo messo in campo da quando sono al Chievo”. Sulla questione mercato Maran taglia corto: “Non mi interessa. Adesso c’è l’Inter e penso solo a questa partita. De Boer? Non conosco le sue idee di calcio, sarà un piacere incontrarlo e affrontarlo”. Ultimo pensiero per un’Inter ormai interamente in mani straniere: “Non so se l’Inter potrà vincere lo scudetto, sono sicuro che ha le potenzialità per fare bene. Loro rappresentano il calcio di oggi, un’altra dimensione rispetto al nostro. Penso che il Chievo, ma soprattutto il suo presidente, siano l’immagine di un calcio più identitario, certamente diverso da quello dell’Inter”.

chievo

serie A
Protagonisti:
rolando maran

Fonte: Repubblica

Commenti