Diego Guida: “Il Napoli è un libro ancora da scrivere, che deve ancora avere un proprio senso”

DIEGO GUIDA, editore: “Quando ero piccolo, non potendoci andare da solo raggiungevo il San Paolo con amici accompagnati dal benzinaio di fiducia. A De Laurentiis manca un po’ di coraggio. A Torino, ad esempio, hanno costruito un nuovo stadio che ha portato a risultati importanti. Noi, invece, non ci presenteremo benissimo in Champions League date le condizioni dello stadio. Il pubblico napoletano è tra i più calorosi d’Italia ed è un peccato sciupare occasioni di sviluppo della città come potrebbe essere la nascita di un nuovo stadio che offrirebbe anche sbocchi lavorativi importanti. Il Napoli è un libro ancora da scrivere, che deve ancora avere un proprio senso. Tutti noi dobbiamo continuare a mantenere alta la concentrazione sulle sorti della squadra azzurra. Se ogni anno si cede il miglior calciatore, come Higuain, significa che qualcosa non funziona ancora. Anche Sarri è un personaggio tutto da scoprire. È talmente chiuso in sé stesso e riservato che sarebbe accattivante conoscerlo meglio e capire fino a che punto si autoriserva per manetere una sorta di distanza con gli altri”.

Fonte: Radio Punto Zero

Commenti

Questo articolo è stato letto 783 volte