Chievo-Milan 1-3: rossoneri secondi insieme alla Roma

VERONA – Il Milan è secondo. I rossoneri battono il Chievo al Bentegodi e riassaporano l’ebbrezza dei primi posti della classifica tre anni dopo l’ultima volta. Non accadeva dalla stagione 2012-2013 quando poi chiuse al terzo posto conquistando per l’ultima volta il pass per l’Europa. Col successo di Verona, infatti, la squadra di Montella scavalca Napoli e Lazio e aggancia la Roma in seconda posizione alle spalle della Juventus con un ritardo di 5 punti dai bianconeri. E sabato a San Siro arrivano proprio i campioni d’Italia.

DETERMINAZIONE E FORTUNA – Di fronte al Bentegodi c’erano la squadra più giovane del campionato, quella rossonera, e quella più vecchia che, però, fino ad oggi era la seconda miglior difesa della serie A dietro a Juventus e Genoa. Ha vinto l’entusiasmo della banda di Montella trascinata dai suoi giocatori migliori e cullata anche da un po’ di fortuna, perché il vantaggio di Kucka, che di fatto cambia gli equilibri del match, arriva dal nulla nel miglior momento dei padroni di casa. Il Chievo esce dal campo senza rimpianti, ha fatto la sua partita giocandosela a viso aperta contro i rossoneri, pagando forse le troppe attenzioni ricevute in queste settimane dovute al gioco e alla classifica.

RIECCO IZCO DAL 1′, LOCATELLI IN REGIA – Diverse le novità in campo. Maran lascia ancora una volta in panchina Meggiorni preferendogli Floro Flores, impalpabile questa sera. A centrocampo torna dal 1′, dopo 17 mesi, il veterano Izco, per il resto tutti confermati. Anche Montella cambia poco e quei pochi cambi che fa sono dovuti alle indisponibilità. Bacca, affaticato dagli impegni in nazionale, va in panchina lasciando spazio a un buon Lapadula. A centrocampo, al posto dell’infortunato Montolivo, c’è Locatelli che vince il ballottaggio con Sosa.

KUCKA GELA IL BENTEGODI – Primo tempo contratto quello a cui si assiste al Bentegodi, solo a tratti divertente. Chievo e Milan si alternano in fase di possesso palla e sono i rossoneri ad andare per primi vicini al vantaggio quando un cross teso a rientrare di Abate viene salvato sulla linea da Cacciatore. Gli uomini di Maran a quel punto riordinano le idee e iniziano ad alzare il proprio baricentro costringendo spesso i rossoneri a inseguire. Nel finale di tempo, quando tutto lasciare presagire che si vada all’intervallo sullo 0-0, ecco la lunga pressione del diavolo col recupero della sfera da parte di Lapadula. La palla la prende poi Kucka che se la sposta sul sinistro e lascia partire un siluro da 30 metri che si infila sotto il sette alla destra di un incolpevole Sorrentino. Lo slovacco ci prende gusto e nel recupero ci prova col destro, questa volta, però, la palla esce di un soffio.

POI CI PENSANO NIANG E BACCA – La ripresa si apre con una doccia gelata per i padroni di casa. Niang, servito da Bonaventura, scarica il sinistro dal limite che si infila nell’angolo più lontano e il Milan dopo 45″ della ripresa è già sullo 0-2. Il Chievo subisce il contraccolpo e rischia in più di un’occasione di capitolare. Le parate di Sorrentino e la scarsa precisione di Niang tengono a galla i clivensi. L’estremo gialloblu deve salvare due volte su Lapadula e una su una punizione violenta del francese. Poi al 30′ un’ingenuità di Paletta regala una punizione dal limite agli uomini di Maran. Sulla sfera va l’ex Birsa che pennella una traiettoria da antologia e infila Donnarumma per l’1-2. L’ultimo quarto d’ora è infuocato col Chievo all’arrembaggio e il diavolo pronto a sfruttare il contropiede. Poco prima del 90′ entra Bacca e il colombiano fa pesare la sua media gol con un destro dal limite deviato in rete da Dainelli. Sorrentino cerca, in un tentativo disperato, di evitare l’autogol del proprio difensore, ma la palla rotola in rete. E’ l’ultima emozione di una partita che sapeva d’Europa.

CHIEVO-MILAN 1-3 (0-1)
CHIEVO (4-3-1-2): Sorrentino 6.5; Cacciatore 5.5, Dainelli 5, Gamberini 5.5, Gobbi 5.5; Castro 5.5, Radovanovic 5, Izco 5.5 (20’st De Guzman 5); Birsa 6; Floro Flores 5 (32’st Pellissier sv), Inglese 5 (15’st Meggiorini 5.5) In panchina: Seculin, Confente, Spolli, Frey, Costa, Rigoni, Bastien, Parigini. Allenatore: Maran
MILAN (4-3-3): Donnarumma 6; Abate 6, Paletta 6, Romagnoli 6.5, De Sciglio 6; Kucka 7, Locatelli 6.5, Bonaventura 7; Suso 6 (36’st Poli sv), Lapadula 6 (25’st Sosa 6), Niang 6.5 (43’st Bacca 6.5) In panchina: Gabriel, Plizzari, Ely, Gomez, Vangioni, Luiz Adriano, Pasalic. Allenatore: Montella
ARBITRO: Rocchi di Firenze
RETI: 45’pt Kucka; 1’st Niang, 31’st Birsa, 49’st autogol Dainelli
NOTE: serata fresca, terreno in discrete condizioni. Ammoniti: Dainelli, Locatelli, Paletta, Meggiorini, Cacciatore. Angoli: 7-1 per il Chievo. Recupero: 2′; 4’+1′.

milan ac

chievo
serie A
Protagonisti:

Fonte: Repubblica

Commenti