Iezzo: “Il Napoli senza Milik fa troppa fatica, in questo momento Pavoletti sarebbe il rinforzo perfetto”

L’ex portiere azzurro Gennaro Iezzo, parla ai microfoni di TMW Radio nel corso dell’appuntamento del venerdì con “Dietro le quinte”. Questa la sua idea sul pari di mercoledì contro la Dinamo Kiev: “Senza Milik il Napoli fa fatica, purtroppo con il tipo di gioco di Sarri questo possesso palla rischia di non essere fruttuoso. La vittoria avrebbe portato consapevolezza nei propri mezzi, mettendo anche apprensione nell’avversario della prossima gara. Il discorso di pensare al pareggio non va bene per una squadra con certe ambizioni”.

Poche conclusioni o meglio poco pericolose. Come mai? Il Napoli ha avuto un paio di occasioni nei primi venti minuti grazie alla difesa alta della Dinamo, poi hanno capito la difficoltà e si sono concentrati sul limitare gli azzurri. Quando hai la punta centrale riesci anche ad avere più chance, mentre senza è difficile abbattere il muro”.

Sul mercato di gennaio sarà necessario trovare anche un’alternativa a Reina? Non sta attraversando il suo miglior periodo, ma un portiere di quel livello difficilmente può essere messo in discussione. I risultati del Napoli non sono certo dipesi da Reina”.

Davanti si parla tanto di un nuovo arrivo: hai un giocatore preferito? “Pavoletti è ed era il giocatore perfetto, ho grande considerazione di lui perché ha davvero tutto. L’avrei visto bene anche in estate, penso possa adattarsi bene anche al gioco di Sarri. Gabbiadini non riesce ad adattarcisi ed è un vero peccato”.

A gennaio partirà Koulibaly per un mese: come farà Sarri? E’ un grosso problema, lo considero uno dei migliori al mondo. Sono stati fatti acquisti importanti in quel ruolo ad agosto, il Napoli non ne sentirà la mancanza”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 660 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!