L’Everton torna all’attacco: 20 milioni per Gabbiadini

ROMA – Il suo procuratore, Silvio Pagliari, lo aveva detto: “Valutiamo altri campionati”. L’esplosione di Milik, poi quella di Mertens, hanno di fatto messo la parola fine all’avventura di Manolo Gabbiadini al Napoli. L’attaccante bergamasco, prelevato per circa 13 milioni nel gennaio del 2014 dalla Sampdoria (e dalla Juve, che ne aveva l’altro 50% del cartellino), può quindi lasciare l’Italia per tentare un’avventura all’estero.

L’OFFERTA – De Laurentiis ha sempre respinto al mittente qualsiasi tipo di proposta. Come quelle del Wolfsburg o Everton di un anno fa: 30 milioni di euro a cui il presidente ha detto no, sperando in una definitiva esplosione dell’attaccante, chiuso da un Higuain del quale proprio non si poteva fare a meno. Oggi gli inglesi sono tornati alla carica, forse consci di aver un reparto avanzato troppo leggero. Lukaku a parte, il tridente offensivo alle spalle del belga non garantisce quel peso di cui avrebbe bisogno il manager dei Toffees, Ronald Koeman. È per questo che l’Everton ha offerto al Napoli 20 milioni, dieci in meno dell’offerta estiva, ma ampiamente motivata nello scarso rendimento di Gabbiadini. Lui ci sta pensando. Koeman con gli attaccanti italiani ci sa fare: l’esplosione di Graziano Pellè è gran parte merito suo. Dal Psv al Southampton, l’olandese è stato l’artefice dell’ascesa del salentino.

fonte-corrieredellosport

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!