Milan, Suso ha le idee chiare: “Al 2017 chiedo la Champions e una chiamata in Nazionale”

MADRID – Ha ben chiari quali desideri esprimere sul piano professionale in vista dell’anno che verrà Suso, ovvero il Milan in Champions e una chiamata in Nazionale. Intanto, lavora per mettere nero su bianco il suo rinnovo contrattuale con il ‘Diavolo’, dove sta vivendo un’ottima stagione e al quale giura fedeltà.

SUSO: “VINTO LA SUPERCOPPA GIOCANDO MEGLIO DELLA JUVE” – “La mia miglior stagione? Può essere, finora è stata buona”, dice l’attaccante spagnolo in un’intervista a Marca tirando un bilancio dell’anno che sta per concludersi e nel quale il Milan è tornato ad alzare un trofeo, grazie alla vittoria ai rigori contro la Juventus nella Supercoppa di Doha. “Sapevamo che l’ultima partita con la Juve era un’opportunità d’oro per vincere un titolo e l’abbiamo colta. Abbiamo vinto giocando molto meglio di loro”, sottolinea la punta esterna, esplosa nel Milan dopo un periodo di ‘apprendistatò al Genoa. “E’ stata un’esperienza molto importante – dice Suso ripensando ai sei mesi in prestito nel club ligure – In Italia non conoscevano il mio potenziale, lì si è visto che potevo giocare a un buon livello e fare buone cose. Gasperini mi ha dato fiducia, era un momento difficile e lui ha saputo tirare fuori il meglio da me”.

“MONTELLA NON HA PAURA DI FAR GIOCARE I GIOVANI” – Alla domanda su cosa sia cambiato nel Milan per far sì che si potesse trasformare da ‘meteora’ a pedina fondamentale della squadra, Suso risponde senza tanti dubbi: “L’allenatore. Montella ha visto cosa avrei potuto dare alla squadra – spiega l’iberico – Lui non ha paura di far giocare i giovani e lo sta dimostrando con i fatti. E’ un tecnico molto spagnolo, gli piace giocare il pallone e avere una filosofia di gioco”. Il suo compagno di squadra Bonaventura lo paragona a David Silva: “Sì, me lo dice spesso e per me è un onore”, ammette Suso, che parlando degli altri giovani del Milan dedica una menzione speciale a Donnarumma: “Fa impressione vedere un giocatore così giovane e così bravo, ogni volta che lo vedo in porta penso ‘E’ troppo forte. E’ un animale'”.

“VOGLIO MILAN IN CHAMPIONS, RINNOVO NON E’ PROBLEMA” – Il talento spagnolo è legato al Milan da un contratto fino al 2019, ma la società è già al lavoro per blindarlo: “Con Galliani abbiamo parlato del rinnovo per un paio di settimane – ammette – e mancano solo due o tre punti da definire. Credo che si farà senza alcun problema”. Il 2017 può essere l’anno della svolta, per lui come per il Milan: “Al nuovo anno chiedo il Milan in Champions e una chiamata in nazionale. A novembre ero fra i pre-convocati e già questo per me è stato molto importante. Se tutto continua così, spero di essere chiamato alla prossima. Non vorrei ritirarmi senza avere giocato una finale di Champions, un Mondiale o un Europeo”, conclude Suso. milan ac

serie A
Protagonisti:
suso

Fonte: Repubblica

Commenti