Spal, Semplici: “Chiusa al meglio annata storica”

Semplici, allenatore della Spal (LaPresse)

Soddisfazione Semplici – Un pareggio e tanti sorrisi. La Spal esce dal San Nicola di Bari con un punto in tasca e la soddisfazione di Leonardo Semplici e di tutto l’ambiente biancoazzurro per in girone d’andata chiuso in terza posizione a quote 36 punti. “Nei minuti finali volevo maggiore attenzione nella gestione della palla, questo è un campo dove appena si sbaglia si può essere puniti e io volevo portare fino in fondo il pareggio”, il commento di Leonardo Semplici subito dopo il termine della gara con il Bari. “Abbiamo avuto una grande occasione per vincere la gara con Arini nel finale, ma siamo tutti molto contenti perché abbiamo fatto una prestazione sopra  le righe pur essendo in grande emergenza ed al cospetto di una squadra forte: faccio ancora i complimenti ai miei giocatori, che hanno nuovamente dimostrato grande personalità. Abbiamo disputato un girone d’andata straordinario”, aggiunge soddisfatto l’allenatore della Spal.

Annata storica – Semplici che continua nell’analisi del match: “I rigori? Sono sembrati entrambi eccessivi, ma la visuale che abbiamo noi a fine gara è diversa rispetto a quella degli arbitri. Dopo la rete subita avevo paura che la squadra si disunisse, invece i ragazzi sono ripartiti con grande forza e personalità: dispiace perché magari potevamo essere più cinici e portare a casa tre punti preziosissimi, ma il risultato è quello più giusto”, prosegue l’allenatore della Spal. Che poi aggiunge: “Sono felice e soddisfatto nel vedere come questo gruppo di ragazzi si metta in discussione e nonostante l’emergenza affronti una gara su un campo difficile come questo con grande personalità. Abbiamo disputato una prima parte di stagione che è andata al di là di quelle che erano le nostre aspettative, ed abbiamo concluso al meglio un’annata storica: adesso andiamo avanti con convinzione, umiltà e ambizione. Promozione? Sarebbe bello, ma noi ora pensiamo solo a lavorare per arrivare non so neanche io dove, sicuramente più in alto possibile”.

Fonte: SkySport

Commenti