Gli interventi di Roberto Renga, Enzo Bucchioni, Luciano Chiarugi, Antonio Di Gennaro, Graziano Battistini, Paolo Rossi e Fulvio Giuliani a Radio Crc

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Roberto Renga, giornalista

“Battere il Milan sarebbe un’impresa perché è vero che parliamo di una squadra imperfetta, ma che sa sempre cosa fare in campo e soprattutto, sa reagire agli schiaffi. Romagnoli ieri ha giocato in maniera disastrosa per cui non è un male perderlo per la gara contro il Napoli. La forza del Milan è l’allenatore, crede in quello che fa ed è un peccato in chiave scudetto che il Milan abbia solo pareggiato ieri, altrimenti sarebbe stato altissimo in classifica.

Il campionato si è riaperto però non so quanto tempo ancora. La Juventus perde sempre dopo una partita di Champions e generalmente fuori casa per cui non vorrei essere nei panni della Lazio”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Enzo Bucchioni, giornalista

“Vedere dopo 5 mesi di lavoro che Higuain è ancora un corpo estraneo e che Pjanic non si è inserito, oltre ad un centrocampo che fatica, vuol dire che la Juventus ha problemi. La squadra bianconera ha dei limiti inaspettati e intorno ci sono formazioni cresciute sotto l’aspetto della concretezza e della personalità. La Roma ha vinto soffrendo, ma anche il Napoli ha faticato, ma ha dimostrato di avere maturità. Non dimentichiamo la Lazio che sta facendo cose straordinarie e poi c’è l’Inter.

Il Milan ha un buon impianto di gioco e Montella è stato bravo perché ha dato ai giocatori la convinzione di essere una squadra, ma l’organico è sinceramente inferiore rispetto ad altre squadre.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Luciano Chiarugi, ex calciatore

“Sono felice che la Fiorentina abbia vinto perché attraversava un momento in cui serviva avere una scossa. La sconfitta della Juventus poi, ha fatto felici un po’ tutti quelli che inseguono e rendono questo campionato più avvincente. Napoli è una bella realtà e può essere una delle prime perché tutti hanno voglia di giocare e fare gol. Poi, con l’arrivo di Pavoletti ed il ritorno di Milik c’è da prospettare un finale di campionato davvero bellissimo”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Antonio Di Gennaro, ex calciatore

“Il campionato è riaperto anche se contro il Crotone credo che la Juventus vincerà e si porterà nuovamente a +4 dalla Roma.

Credo che si giochi troppo e ci si alleni poco per ridurre questo divario si potrebbe diminuire il numero delle squadre, almeno a 18 squadre così da dare un livello maggiore al campionato italiano: qualche cambiamento andrebbe fatto.

Milan-Napoli? Montella è stato bravo a creare una squadra vera che sa soffrire e reagire. L’unica nota negativa è Niang che ha poca continuità di prestazioni.  Sulla carta il Napoli è favorito tecnicamente e come qualità di gioco, ma non sarà facile battere questo Milan che tra l’altro ha un ottimo portiere”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Graziano Battistini, procuratore tra gli altri di Cragno

“Gabbiadini è un giocatore di alto livello e non lo metto in discussione, ma non credo che a gennaio le squadre siano disposte a spendere tanti soldi. Ad oggi, la Premier è l’unico mercato che può muovere soldi. Sembra che le grandi italiane siano più presenti sul mercato e questo fa piacere.

Cragno è un giocatore del Cagliari in prestito al Benevento dove sta facendo l’ennesima esperienza positiva. Sta crescendo in maniera importante ed è di proprietà di una società importante. Giuntoli stima molto Cragno, ma è tutto da vedere, non so quali siano le strategie di mercato del Napoli. Giocare al Cagliari l’anno prossimo sarebbe già un ottimo traguardo”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Paolo Rossi, ex calciatore

“Ho visto Maradona ed è già tanto. E’ sempre piacevole incontrare lui e tanti altri campioni. Devo dire però che contro Maradona non ho mai perso, nemmeno in amichevole per cui sono imbattuto. Scherzi a parte, stiamo parlando di uno dei più grandi calciatori di tutti i tempi che per Napoli ha rappresentato tantissimo: è uno di quei calciatori così rappresentativi che hanno un’immagine davvero molto forte.

Maradona nel Napoli? Diego è legato in maniera indissolubile a Napoli, rappresenta un pezzo di Napoli per cui pur non essendo nel club già rappresenta la società, figuriamoci se la vivesse da dentro.

Volevo vincere e a Ferlaino dissi che se avesse costruito una squadra vincente avrei giocato in azzurro. Poi, con Maradona ci sarebbero state le condizioni”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Fulvio Giuliani, giornalista

“Al San Carlo ieri è andato in scena uno bello spettacolo e c’era qualche dubbio sulla riuscita dello stesso. Non essendoci un testo reale, un’opera o un canovaccio, poteva venir fuori uno spettacolo noioso e invece è stato molto emozionante. Maradona è partito molto emozionato e quella dichiarazione iniziale anche un po’ ruffiana “io non tradisco”, ha funzionato perché ha rotto il ghiaccio.

Il campionato riaperto? Non me la sento di dirlo perché la storia recente mi insegna che ad ogni schiaffo, la Juve reagisce con orgoglio. Questa è una squadra che gioca male e se non migliora, il campionato si riapre per forza di cose”.

I presenti comunicati sono stati inviati da Crc. Si declina ogni responsabilità dal contenuto degli stessi

Commenti