Lazio: Keita è arrivato, Biglia vicino alla firma

Lazio: Keita è arrivato, Biglia vicino alla firma(agf) ROMA – Nessun caso, Keita è tornato. Il giovane senegalese non era in panchina contro l’Inter come auspicato da Simone Inzaghi nella conferenza stampa della vigilia, né si è allenato insieme ai compagni nella seduta defaticante del giorno successivo all’impresa di San Siro. 

KEITA, NESSUN CASO – Ma stavolta non si tratta di una “keitata” come quelle di inizio stagione, semplicemente di contrattempi aerei che hanno impedito all’attaccante (a meno che non fosse stato messo a disposizione un volo privato) di partecipare alla trasferta di Coppa Italia. Ci sarà sicuramente in quella di campionato contro il Pescara, perché Keita mercoledì si è comunque allenato, anche se per conto proprio in serata, e nella giornata di giovedì ha partecipato regolarmente alla seduta insieme al resto dei compagni, allenamento in cui è mancato de Vrij a scopo precauzionale e si è rivisto Crecco, di rientro dal prestito all’Avellino. Una buona notizia per Simone Inzaghi, che proprio nell’ex canterano del Barcellona troverà quell’acquisto che non è arrivato dal mercato, come da decisione comune presa con la società. 

PASSI AVANTI PER BIGLIA – Si è deciso di puntare sul gruppo che ha portato la Lazio a conquistare 40 punti in campionato e centrare la semifinale di Coppa Italia contro la Roma, senza aggiungere nuove pressioni ai titolari portate dall’innesto di altri giocatori e cedendo quelli che avrebbero voluto più spazio. Una scelta che potrebbe portare a delle controindicazioni, soprattutto se nel lungo periodo la rosa dovesse fare i conti con squalifiche o infortuni, ma che è stato condivisa da club e staff tecnico. Intanto, dopo le dichiarazioni d’amore di Biglia post partita con l’Inter, proseguono i contatti tra la società e il suo agente Montepaone. Oggi a Formello è andato in scena un nuovo incontro. La firma non è ancora arrivata, ma c’è ottimismo sul fatto che possa arrivare a breve.

calcio

serie A
ss lazio
Protagonisti:

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 152 volte