Napoli, aspettando Pavoletti e Milik la certezza resta Mertens

NAPOLI – Formula che convince, non si cambia. Almeno per la gara di sabato contro il Bologna. Maurizio Sarri è intenzionato a dare nuovamente fiducia al tridente dei piccoletti. L’allenatore ha già archiviato il passaggio a vuoto contro il Palermo e si affida alle sue certezze per conquistare un risultato positivo al Renato Dall’Ara, una trasferta che gli evoca ricordi amari per il 3-2 dello scorso campionato. Il Napoli perse male da capolista dimostrando quei limiti di mentalità non del tutto risolti considerando il deludente 1-1 con i rosanero. Ma non sono previsti stravolgimenti. Sarri affiderà le chiavi della manovra offensiva a Dries Mertens, tra l’altro in gol al San  Paolo contro la squadra di Diego Lopez. Toccherà al belga mandare in tilt la difesa rossoblù. Al suo fianco ci saranno ancora sia Callejon che Insigne, entrambi alla ricerca del riscatto dopo gli errori commessi contro il Palermo.

PAVOLETTI E MILIK – Manolo Gabbiadini è andato via anche perché il reparto offensivo è tornato affollato. Il Napoli ha puntato tutte le sue fiches su Pavoletti e Milik. L’attaccante prelevato dal Genoa sta rifinendo la sua condizione ed è probabile che abbia spazio in corso d’opera proprio per recuperare al più presto il top della forma. Sarri ha bisogno dei suoi gol soprattutto contro le squadre che lasciano pochi spazi. Il centravanti classico è fondamentale e per questo Pavoletti avrà la possibilità di mettersi in mostra. Scalpita, a dire il vero, pure il polacco. La convocazione si avvicina e domani potrebbe partire con i compagni alla volta di Bologna per riassaporare l’atmosfera della partita per la prima volta dall’8 ottobre, quando si procurò la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro durante Polonia-Danimarca.

RIENTRA KOULIBALY – Sarri, intanto, recupera un elemento fondamentale del reparto arretrato. Koulibaly è pronto ad indossare la maglia da titolare ed affiancare così Albiol. Il Napoli si affida alla coppia centrale meglio assortita per migliorare la fase passiva, vero tallone d’Achille dell’ultimo periodo (10 gol subiti nelle ultime 6 partite di campionato). In mediana spazio a Zielinski ma soprattutto a Diawara, ex di turno, il cui divorzio con il Bologna è stato abbastanza traumatico.

ssc napoli

serie A
Protagonisti:
dries mertens

Fonte: Repubblica

Commenti