Il Personaggio – Marko Rog, si cominciano a raccogliere i frutti di un lungo lavoro

Col successo interno contro il Crotone il Napoli, almeno per quanto riguarda il campionato, ha dato continuità alla bella prova dell’Olimpico dove aveva conquistato i 3 punti ai danni della Roma. Sarri per l’occasione sceglie il turn over, facendo riposare alcuni dei titolarissimi e schierando dal primo minuto gli atleti che hanno avuto meno possibilità di mettersi in luce, tra essi uno degli investimenti estivi il cui mancato impiego fino a un paio di settimane fa faceva imbestialire il Presidente De Laurentiis. Parliamo ovviamente di Marko Rog il talento croato classe ’95 che nella prima parte di stagione il cauto Sarri ha pensato a svezzare pregustando la soddisfazione e la gioia di vederlo poi in campo a raccogliere i meritati frutti dell’incessante lavoro.Così dopo le belle prove offerte nella gara di Coppa Italia contro la Juventus e soprattutto in quella dello scorso turno di Campionato contro la Roma in cui, risultando alla fine il migliore in campo, la scheggia impazzita ha mandato letteralmente al manicomio Strootman & Co sfiorando anche il gol negatogli solo da una prodezza del portiere avversario, l’erede di Modric si presenta al san Paolo  per sfidare il piccolo Crotone…pur sapendo quanta fatica faccia la sua squadra nel prevalere in quelle che sulla carta risultano gare abbordabili. A onor del vero nella sfida contro i calabresi il centrocampista azzurro non è parso all’altezza delle precedenti prove probabilmente anche a causa dei pochi spazi concessi dagli avversari, rischiando altresì di lasciare in inferiorità numerica la squadra a causa di un paio di interventi poco puliti.“Rog è giovanissimo” commenta il coach azzurro “In alcune situazioni gli manca un po’ di esperienza”…E ci sentiamo di dar sicuramente ragione a Sarri, convinti che sotto la sua guida questo talentuoso ragazzo, già in grado di sfoggiare la sua tecnica e i suoi numeri d’alta scuola, potrà divenire un assoluto fuoriclasse nel suo ruolo, d’altra parte ha già incantato i suoi compagni con la grande classe che palesa negli allenamenti, presto incanterà di certo anche le platee.

Tilde Schiavone

Commenti

Questo articolo è stato letto 1957 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!