Serie A, Cagliari: Marco Borriello torna in gruppo

Marco Borriello, attaccante del Cagliari (Getty)

Dopo aver recuperato Nicolò Barella, arriva un’altra buona notizia dall’infermeria rossoblù: Marco Borriello è tornato a disposizione di Massimo Rastelli. Parla Miangue: “Il nostro è un gruppo eccezionale, ho legato con tutti”

Mercoledì di lavoro nel segno delle buone notizie in casa Cagliari. Dopo l’uscita anzitempo nel corso della gara contro il Torino e la grande paura per un problema muscolare che in un primo momento sembrava abbastanza serio, Marco Borriello quest’oggi è tornato ad allenarsi regolarmente con il resto dei compagni in gruppo. Affaticamento muscolare al flessore della coscia sinistra ormai completamente smaltito e per Massimo Rastelli la certezza di avere a disposizione nella sfida contro il Chievo Verona (in programma sabato pomeriggio al Sant’Elia alle ore 15) l’attaccante più prolifico della sua rosa (14 i gol in campionato realizzati in stagione da Borriello). Allenamento pomeridiano sul campo del centro sportivo di Asseminello, con la squadra che ha lavorato esclusivamente sul campo: apertura con il riscaldamento tecnico, poi una serie di partitelle a tema e per concludere una partita su campo ridotto in cui Rastelli ha iniziato a provare le prime soluzioni in vista della sfida con il Chievo. Presente anche Barella, tornato da ieri in gruppo dopo il problema fisico che lo aveva bloccato nell’ultimo periodo. Cagliari che riprenderà ad allenarsi nel pomeriggio di giovedì sempre ad Asseminello.

Arrivato dall’Inter nel corso dell’ultima sessione di calciomercato, Senna Miangue ha parlato dei suoi primi mesi al Cagliari: “Ho legato con tutti, il nostro è un gruppo eccezionale. Non è vero, come hanno scritto, che ho parlato con Nainggolan prima di decidere di venire al Cagliari; semmai è stato Antonini Lui, il centrocampista della Primavera che aveva giocato con me all’Inter, a consigliarmi di venire qui. Mi aveva parlato benissimo della società, della gente e del clima: adesso posso dire che aveva ragione lui”, le parole del terzino classe 1997 riportate dal sito ufficiale rossoblù. “Ho giocato poco fino ad adesso? Non è semplice perché ho davanti un giocatore forte come Nicola Murru. Io do sempre il massimo in allenamento, poi il mister fa le sue scelte”, le parole di Miangue. Che poi svela una sua passione extracalcistica: “Sono un discreto cuoco o almeno ci provo! Gli spaghetti col ragù già pronto sono semplici. Altri hobby? La musica, il basket e andare in bici”, ha concluso il difensore del Cagliari.

Fonte: SkySport

Commenti