Gli interventi di Gianvarlo Padovan, Lorenzo Minotti, Dario Donato, Beppe Iachini, Paolo Palermo e Alessandro Vocalelli a Radio Crc

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Giancarlo Padovan, giornalista

“Milan e Inter hanno due storie diverse perché il club nerazzurro è di un potente gruppo economico che ha idee ben precise mentre del Milan non sappiamo molto. Conosciamo il nome del cinese e il debito che ha fatto per comprare il Milan, ma non parliamo di un proprietario che ha un potere economico finanziario che faccia pensare ad una scalata nel calcio italiano per cui mi chiedo se questo passaggio sia un bene o potrebbe diventare un male. L’Inter nel giro di poco tempo può diventare una squadra importante e un’alternativa alla Juve se non più forte, mentre per ciò che concerne il Milan, vedremo. 

De Laurentiis ha capito che il Napoli è una fonte di potere enorme e anche dal punto di vista economico frutta perché la società va benissimo per cui non penso che la mollerà. Ma, questo non credo che De Laurentiis escluda la possibilità di un socio, credo ci abbia pensato”. 

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Lorenzo Minotti, ex calciatore

“I numeri dell’Udinese sono espliciti e indicano le caratteristiche della squadra. Napoli e Udinese impostano le gare in maniera opposta perché la prima fa poco possesso passa, pochi passaggi, ma è squadra pragmatica e molto organizzata, adesso è in fiducia e poi davanti ha giocatori di gamba e di forza. L’Udinese ha avuto la fortuna e la bravura di scoprire giocatori come Jankto per cui il Napoli troverà una squadra chiusa ma che punterà sulle ripartenze. 

Giocar bene e vincere è un binomio che funziona semrpe. Poi una squadra può anche essere poco spettacolare, ma se vince vuol dire che gioca bene ed è normale che ogni squadra riflette la filosofia dell’allenatore e della rosa che ha a disposizione. Il Napoli gioca bene, ma ottiene anche risultati e sta crescendo e trovando la propria identità”. 

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Dario Donato, giornalista

“A Dortmund ho vissuto una situazione particolare. In campo poi è inevitabile che ciò che è accaduto all’esterno si sentisse ed infatti il Borussia non l’ho visto molto concentrato. Non avevo mai visto una tale solidarietà come quella tra tifosi di Borussia e Monaco che hanno cantato insieme, mangiato insieme e anche dormito insieme. Ho vissuto due giorni complessi ed ho avvertito paura quando non si capiva cosa stesse succedendo ed eravamo 80mila persone all’interno dello stadio”. 

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Beppe Iachini, allenatore

“L’Udinese è una buona squadra e nelle prime giornate avevamo un calendario difficile e qualche assenze importanti e c’era la certezze che con un po’ di pazienza l’Udinese avrebbe fatto un buon campionato. Poi nel calcio non sempre viene concesso tempo, ma recuperati gli infortunati, l’Udinese è tornata a fare i suoi punti anche in virtù di un calendario che andava migliorando. 

Zapata ha bisogno di giocare, se il Napoli e Sarri decideranno di schierarlo è bene trattenerlo, altrimenti per il suo bene sarebbe importante dare continuità al campionato che sta facendo. 

Il Napoli gioca a memoria e quando tutti gli interpreti stanno bene, viene fuori l’identità della squadra. 

Se la Roma dovesse essere quella delle ultime settimane non sarà facile per il Napoli raggiungere il secondo posto che però deve dare continuità alla prestazione contro la Lazio. Questa lotta non dipenderà solo dal Napoli, ma gli azzurri sovrano fare di tutto per non avere rimorsi”. 

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Paolo Palermo, procuratore di Floro Flores e Armando Izzo

“Si è fatta chiarezza rispetto ai dati di imputazione e rispetto all’accusa infamante nei confronti di Izzo. Si può dire tutto di lui, che è uno scugnizzo che è nato da zero, ma è un ragazzo onesto. E’ stato fatto un passo avanti notevole, ma Izzo è un guerriere perché riesce a tenere tutto dentro, soffre in silenzio e aspetta che venga fuori la verità perché nulla c’entra in questa vicenda. Passerà un mese prima del ricordo in secondo grado. 

Il Genoa è scosso anche perché Armando è un pezzo pregiato del club. Il presidente e la società gli sono vicini, l’ambiente e i compagni lo stanno supportando. 

Con Higuain in squadra, il Napoli avrebbe vinto il doppio confronto con la Juventus. Sono propenso ad avere sempre un forte attaccante e un portiere normale”.  

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Alessandro Vocalelli, direttore del Corriere dello Sport

“La partita col Real Madrid ha rappresentato un processo di crescita per il Napoli perché ho ancora negli occhi la paura del Real sull’1-0 per cui il club azzurro deve sapere che questa è la strada giusta anche perché solo con gli anni si acquisisce la mentalità vincente. Non è difficile salire dal decimo al quarto posto in classifica, ma essere stabilmente nell’elite del calcio lo è.

Il Real Madrid ha qualcosa in più rispetto a molte altre, ma poi quando si arriva ai quarti di finale di Champions League, le distanze sono talmente minime che basta un infortunato o un episodio per cambiare il corso delle partite. A certi livelli si rischia contro tutte. 

Dopo anni bui, Milano tornerà ad essere protagonista. La sensazione è che l’Inter farà una campagna acquisti faraonica e credo che anche il Milan sia destinato ad essere competitivo”. 

I presenti comunicati sono stati inviati da Crc. Si declina ogni responsabilità dal contenuto degli stessi

Commenti

Questo articolo è stato letto 1077 volte