Lazio, Immobile a caccia di record: dopo Giordano, Piola nel mirino

ROMA – La rotonda vittoria sul Palermo per 6-2, permette alla Lazio di Simone Inzaghi di aggiornare numeri e record di questa stagione fin qui esaltante. A partire dal sigillo finale di Luca Crecco, addirittura 16esimo marcatore stagionale della squadra biancoceleste nelle 70 reti segnate fino a oggi tra campionato e Coppa Italia.

IMMOBILE E KEITA, I GEMELLI DEL GOL – Di queste 70, la metà ne ha realizzate la coppia di attaccanti composta da Immobile e Keita: il 48,57% per la precisione, cioè 34 centri tra i 23 stagionali di Ciro Immobile con la maglia della Lazio e gli 11 (tutti in campionato) di Baldé Diao Keita. Sono loro due i gemelli del gol biancocelesti, con l’attaccante azzurro che va a segno alla media di una rete ogni 136 minuti giocati e in campionato ha già superato, con i suoi 20 centri, il bottino del giocatore che più ricorda nella storia della Lazio, Bruno Giordano, arrivato massimo a 19. E adesso punta gli altri grandi bomber del passato biancoceleste, come Silvio Piola (arrivato a 21), Giorgio Chinaglia (24), Giuseppe Signori ed Hernan Crespo (26). 

VIDEO LA SINTESI DI LAZIO-PALERMO

ALTRE 5 PARTITE PER SCALARE RECORD – Con cinque giornate ancora a disposizione, Immobile può scalare ancora qualche gradino per entrare ancora di più nella storia del club. Stesso discorso per Keita, che con il calcio rigore del provvisorio 4-0, gentilmente concessogli da Biglia e Immobile, è arrivato per la prima volta nella sua carriera in doppia cifra. Poi ha anche allargato il suo score personale, trovando la tripletta personale con uno scavetto sinistro beffardo che chiuso la partita già dopo 26 minuti di gioco. La tripletta personale, ovviamente la prima in carriera da professionista, lo fa salire a una media realizzata molto simile a quella di Ciro Immobile, con un gol ogni 151 minuti di gioco. Due gemelli del gol, insomma. E Inzaghi, ora, spera che la società glieli metta a disposizione entrambi anche l’anno prossimo…

serie A

ss lazio
Protagonisti:

Fonte: Repubblica

Commenti