Sassuolo, Carnevali e il futuro di Di Francesco: “Aspetta una risposta da una grande”

Sassuolo, Carnevali e il futuro di Di Francesco: "Aspetta una risposta da una grande"Eusebio Di Francesco (agf) ROMA – Le sirene di qualche grande club stanno tentando Eusebio Di Francesco, chiamato a decidere il proprio futuro. Ecco perché Giovanni Carnevali, amministratore delegato del Sassuolo, preferisce non sbilanciarsi molto riguardo alla permanenza o meno in Emilia di colui che ha condotto per la prima volta i neroverdi nel massimo campionato, regalando poi pure l’avventura in Europa League alla provinciale. “Nei prossimi giorni ci incontreremo con la proprietà per capire cosa si vorrà fare e le sue intenzioni – afferma Carnevali ai microfoni de ‘La Politica nel Pallone’ su Gr Parlamento – Penso che sarà il mister a fare le giuste valutazioni, massimo la prossima settimana o l’altra ancora ci incontreremo e vedremo cosa fare. Ha richieste da società importanti ma l’anno scorso ha deciso di portare avanti questo progetto e ci farebbe piacere continuare con lui anche nella prossima stagione”.

CARNEVALI: “DI FRANCESCO? HA RICHIESTE DA CLUB IMPORTANTI” – Quindi Carnevali approfondisce il tema del possibile interessamento nei confronti del tecnico del Sassuolo. “E’ un grande allenatore e se dovesse scegliere di cambiare non sarà per un discorso motivazionale e lo farebbe solo per società di un certo tipo – continua l’ad dei neroverdi – La Fiorentina? Noi sappiamo che Di Francesco ha richieste da società importanti ma non c’è stato nessun contatto noi, né con la Roma né con altre, li avrà lui. Abbiamo un rapporto eccezionale, Di Francesco dovrà prendere una decisione, lui sta aspettando una risposta da una società grande. Di Milano? Non so, ma posso dire che è un allenatore da grande club, davanti a una proposta di un club di media classifica penso che rimarrebbe con noi perché sa che Squinzi vuole costruire un club di un certo tipo. Berardi, Di Francesco e

“PER BERARDI SERVONO 50 MLN, SE LO DICE SQUINZI…” – Berardi è sicuramente uno dei pezzi pregiati del mercato. “Per Squinzi Berardi vale 50 milioni? E’ il nostro patron, è lui che decide e se dice una cosa, noi dobbiamo attenerci a quello che dice”, sorride l’ad del Sassuolo che invece, per quanto riguarda Pellegrini, lascia intendere che la Roma eserciterà la clausola di ‘recompra’ visto che “ce lo aveva già chiesto a gennaio ma non è nostra abitudine cedere i ragazzi più importanti a metà stagione. E’ uno dei talenti più importanti, richiesto anche da club stranieri. Ora quello che succederà a giugno non lo sappiamo, ma credo di si. L’accordo con la Roma è legato anche a qualche altro giocatore, ma siamo sui 10 milioni. L’accordo riguarda anche Mazzitelli, poi dobbiamo vedere Ricci, i rapporti sono ottimi e intendiamo mantenerli tali”.

“STAGIONE PER NOI IMPORTANTE, SPECIE COME ESPERIENZA” –  Quindi il discorso scivola su altri elementi di proprietà del club emiliano. “Trotta e Falcinelli li abbiamo ceduti in prestito la scorsa estate per farli giocare, acquistando Ferrari dal Crotone, credo che rientreranno tutti e poi si deciderà in base all’allenatore, ai giocatori, ma c’è ancora tempo. Acerbi? Per noi credo sia uno degli elementi più importanti, se ci sarà una grande società a richiederlo ci siederemo con lui per prendere la decisione migliore ma vorremmo trattenerlo per farne una bandiera del Sassuolo, come giocatore e ragazzo straordinario”, sottolinea Carnevali prima di passare a commentare la stagione che si sta per chiudere. “E’ una stagione per noi comunque importante, dall’Europa League a quello che è stato fatto ad inizio stagione. Una serie di cose che ci hanno portato ad avere una esperienza maggiore. E’ giusto fare una riflessione su quello che abbiamo fatto ma anche cercare di guardare avanti. Ci sono state varie situazioni, l’Europa League è stata una grandissima esperienza, magari non abbiamo i giocatori preparati per una doppia competizione. Abbiamo avuto tanti infortuni che ci stiamo portando avanti, un’annata un po’ storta su certi aspetti, e preferiamo non parlare degli errori arbitrali. Una serie di cose che credo siano buon bagaglio di esperienza per guardare al futuro”.

“SE ATALANTA IN EUROPA GIOCHERA’ AL MAPEI STADIUM” – Il prossimo anno in Europa League ci potrebbe andare l’Atalanta. “Auguriamo all’Atalanta di arrivare in Europa League e giocheranno al Mapei Stadium in quel caso, stanno facendo i lavori nel loro stadio, gli auguriamo di arrivare in questa competizione”.
 

sassuolo calcio

serie A
Protagonisti:
eusebio di francesco

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 350 volte