Il Personaggio – Callejon, il bello che balla eccome

Affermando che il Napoli stile Sarri, oltre ai grandi numeri del  girone di ritorno di Serie A ha prodotto ed evidenziato un gioco spumeggiante e brioso univocamente valutato come uno dei migliori in Europa, non scopriamo nulla che non sia stato detto e ripetuto soprattutto nell’era post-Higuain in cui,come da estorta ammissione dello stesso coach azzurro, dovendosi egli ingegnare nella sostituzione di uno tra i bomber più prolifici del panorama calcistico prima, e del suo infortunato successore poi, pensò all’epoca di puntare sui noti schemi che stanno alla base di  quel calcio spettacolo ad egli così caro sacrificato (in parte) in passato in nome dell’autorità calcistica, del genio e dell’onnipotenza dell’asso argentino, uno dei pochi artisti del pallone in grado di mettere le cose a posto con poche mosse indipendenti da teorie e sistemi di gioco. Quando si parla di tridente azzurro e di manovra corale si passa immediatamente all’esaltazione del folletto Mertens, dello scugnizzo Insigne omettendo troppo spesso in questo senso il peso dell’esterno Josè Callejon, atleta completo, inesauribile che non avrà la personalità del belga e non sarà appariscente nelle sue giocate come lo è invece il napoletano ma la cui silenziosa presenza in campo è fondamentale e imprescindibile e il fatto stesso che in ben tre anni ad egli si sia rinunciato solo in 2 occasioni la dice lunga sulla sua affidabilità.L’andaluso ex Real è uno che non ama le copertine e i pubblici encomi, ama invece a dismisura un lavoro che svolge con serietà e onestà non risparmiandosi in campo e macinando chilometri sulla sua fascia al 90esimo minuto con la stessa intensità e lucidità del 1°.Una perla rara Calletì, punto di riferimento per la squadra e prezioso per il coach che ha la fortuna di averlo a disposizione…D’altra parte se Benitez e Sarri, tecnici con diverse convinzioni, nell’operare scelte tattiche hanno rinunciato a chiunque tranne che a lui un motivo ci sarà.

Tilde Schiavone

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!