L’AVVERSARIO – Sardi da non sottovalutare, occhio a Borriello

Il Napoli di Sarri, reduce dal brillante successo contro l’Inter a San Siro, che gli ha permesso di accorciare le distanze dal secondo posto, affronta nel primo anticipo della trentacinquesima giornata del massimo campionato, il Cagliari targato Massimo Rastelli, peraltro ex giocatore azzurro del passato.  La formazione azzurra, contro i sardi tenterà, di sorpassare, seppur momentaneamente, i giallorossi, in attesa di conoscere l’esito del match tra il Milan e la Roma. Sulla carta, il Cagliari non rappresenta un ostacolo difficile, il divario tecnico tra le due compagini è netto,  come testimonia la classifica ed il risultato della gara del girone di andata, al Sant’Elia, dove gli uomini di Sarri travolsero i padroni di casa per 5 a 0, grazie ad una tripletta di Dries Mertens ed un gol a testa di Zielinsky e di Hamsik. La squadra rossoblù ha ormai raggiunto l’obiettivo salvezza con largo anticipo e quindi giocherà queste ultime gare con estrema tranquillità. Il successo sul Pescara di domenica scorsa ha portato serenità e fiducia in tutto l’ambiente. Gli uomini di Rastelli sono consci, tuttavia, delle difficoltà che incontreranno sabato a Fuorigrotta, contro un Napoli affamato di punti, in chiave secondo posto. Sicuramente il Cagliari farà la sua onesta partita senza mostrare il fianco agli avversari, però non avrà alcun assillo di classifica e questo non potrà che giovare alla squadra partenopea. La formazione sarda è però pur sempre una squadra da non sottovalutare, tra le sue fila, l’attaccante napoletano Marco Borriello, nonostante non più giovanissimo, rappresenta l’arma in più dell’undici rossoblù. Ma anche i vari Joao Pedro, Farias, Barella, Rafael, Salamon, Dessena, sono giocatori di tutto rispetto. Il capitano del Cagliari Dessena, dopo la vittoria sugli abruzzesi ha parlato di una stagione quasi perfetta, nonostante le varie complicazioni. La compattezza della squadra sempre unita ha permesso questa splendida salvezza che tutti hanno strameritato ha concluso Dessena. Il Napoli,  pertanto,  nel prossimo turno, al San Paolo si troverà di fronte un undici galvanizzato e voglioso di ben figurare in un palcoscenico così importante qual è  l’impianto di Fuorigrotta. D’altronde il Cagliari intende dimostrare, anche, che il pesante ko del dicembre scorso fu soltanto un episodio. Sarri all’indomani del blitz di Milano, contro i nerazzurri, ha già gettato acqua sul fuoco dei facili entusiasmi ed ha invitato i suoi a tenere alta la guardia, in prossimità di una partita che nasconde molte insidie, malgrado possa sembrare il contrario. Non dimentichiamo che gli azzurri hanno buttato alle ortiche punti fondamentali contro formazioni di basso rango come Pescara, Palermo, Genoa, Sassuolo, otto punti che oggi porterebbero il Napoli a soli due punti dai bianconeri. Dal canto suo l’ex azzurro Rastelli ha ringraziato ed abbracciato tutti i suoi giocatori per celebrare la salvezza matematica, poi ha invitato i suoi a dimenticare presto l’euforia per tornare in campo concentrati come se si dovesse ancora combattere per la salvezza. “Sabato si va a Napoli. dove ci sarà ad aspettarci una squadra molto forte come dimostra la classifica. Noi  cercheremo di fare del nostro meglio per  contrastare la formazione di Sarri , tentando di non farla giocare, perchè vogliamo ottenere altri punti importanti per migliorare la nostra classifica. Sarà questo il nostro obiettivo nelle quattro partite che restano. Il Napoli è avvisato, scenderemo al San Paolo per onorare la partita”. Questo il discorso del tecnico rossolù, alla ripresa degli allenamenti, dopo la gara con il Pescara.

Commenti