Gli interventi di Ciro Venerato, Matteo Lauriola, Perluigi Pardo, Stefano Agresti, Bernardo Brovarone, Umberto Zapelloni, Paolo Liguori e Pietro Guadagno a Radio Crc

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Ciro Venerato, giornalista 

“Il Milan in prima battuta era disposto ad offrire 3.5 milioni per trattenere Donnarumma e ieri si è spinto fino a 6 milioni ma Raiola ha detto no. I rossoneri escono sconfitti da questa trattativa, ma in compenso il ragazzo avrà uno stipendio monstre. 

Napoli? Non c’è nessuna possibilità di prendere Donnarumma che potrà accasarsi al Real, più difficile il Manchester United. Riflessi sul mercato? Il Milan vorrebbe strappare Szczesny alla Juventus, ma occhi puntati anche su Handanovic. Neto? I rapporti tra Fassone e Moratti sono ottimi, ma bisognerà attendere. 

Reina? Se Quillon non porterà nessuna offerta, resterà al Napoli. In maniera diretta o indiretta si è fatto pervenire al procuratore la volontà di andare incontro a Reina e fare un biennale. Leno? Il Napoli continua a sentirsi con l’entourage, ma è una situazione in divenire. Ghoulam? Non ci sono novità così come per Strinic”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Matteo Lauriola, direttore sportivo del Carpi

“Sono legato alla città di Napoli, sono un meridionale e quindi abituato al sole e al mare e lì ho trascorso due anni fantastici. Il gruppo di Giuntoli è formato da persone preparate e aver lavorato con lui è un motivo di orgoglio. Con Giuntoli ho un rapporto viscerale. Milik, Rog, Diawara, Hysaj sono calciatori che stimo e sono felice che il Napoli li abbia presi anche perché Milik, per esempio, ha qualità straordinarie, nessuno lo conosceva e neppure a Napoli lo hanno visto ancora del tutto e sono certo che l’anno prossimo farà benissimo. Il centrocampo del Napoli è quello del futuro, nessun’altra squadra ha calciatori del genere e potenzialmente sono solo al 50%. Il Napoli è destinato a crescere ancora e sono certo che l’anno prossimo farà ancora più punti. 

Al Carpi vorrei portare due giovani della Primavera del Napoli, qui devo individuare giovani che abbiano prospettive di crescere. Leandrinho e Zerbin non mi dispiacerebbero, ma parliamo di profili alti e magari vogliono andare in altri club più grandi. Guardo qualcosa di più piccolo, sto pensando a Prezioso e Anastasio. 

Letizia non è appetito solo dal Benevento, ma anche altre pretendenti mi hanno chiesto di Letizia e altri giocatori del Carpi.

L’obiettivo al Carpi è far crescere il patrimonio del Napoli quindi non ho problemi a parlare con Giuntoli, ma dobbiamo studiare il miglior percorso per loro”. 

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Pierluigi Pardo, giornalista

“Al di là degli aspetti morali, non rinnovare col Milan non è la scelta giusta. Lasciamo stare le bandiere, penso che Donnarumma avrà offerte grosse, ma considerata l’età e il progetto Milan, lo avrei fatto firmare, magari con qualche clausola. Se poi diventerà il giocatore che tutti speriamo è chiaro che il Real Madrid lo avrebbe preso ugualmente e invece non rinnovando si prende un grande rischio e dal punto di vista dell’immagine non si trova in una posizione semplice. 

Credo che il Napoli non abbia piena fiducia in Reina e capisco il club perché migliorare la squadra non è facile. Le due strade sono prendere un giovane e farlo maturare oppure prendere un altro numero 1 forte e titolare”. 

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Stefano Agresti, giornalista

“Donnarumma preferisce il Real Madrid ad ogni altra società anche se il Psg si è mosso parecchio però la sensazione è che Raiola stia lavorando per portare il portiere al Real. Il Psg ha formulato un’offerta in bianco praticamente a Donnarumma e nonostante la Juventus sia alla finestra, credo poco a questa situazione. 

Il Napoli ha costruito qualcosa di importante e può lottare per lo scudetto, a patto però che la Juventus si fermi. Il lavoro del Napoli è ottimale e Higuain a parte anche sul mercato il club azzurro si muove bene”. 

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Bernardo Brovarone, intermediario

“Con la competenza si batte tutto e tutti, ma poi per strappare gli obiettivi alle grandi forze economiche non è facile. Il Napoli è squadra puntigliosa e lavora in maniera professionale e nel tempo De Laurentiis ha dimostrato di saperci fare. Se poi si punta a battere le grandi grandi potenze serve anche un po’ di fortuna”. 

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Umberto Zapelloni, vice direttore della Gazzetta dello Sport

“Nella storia Donnarumma hanno perso tutti: al giocatore resterà sempre un vuoto e magari al Real Madrid vincerà tutto, ma non vivrà mai le emozioni che ha vissuto Totti e quando gli capiterà di tornare a San Siro verrà accolto con tanti fischi ed è un peccato che non abbia scelto di crescere con la squadra del suo cuore. Purtroppo è finito il calcio delle bandiere e dell’appartenenza. Ha sbagliato però qualcosa anche il Milan, credo non abbia usato le armi giuste per convincere Donnarumma che voleva restare. Errori ce ne sono stati da parte di tutti, forse l’unico che ha vinto è Raiola e questo è il suo lavoro. 

Il Napoli ha bisogno di partire forte visti i preliminari e quindi bisognerà cambiare qualcosa nella preparazione. Un vantaggio c’è: la rosa non verrà stravolta e il mercato completerà solo la squadra”. 

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Paolo Liguori, giornalista

“Questo mercato non solo non è dei migliori, ma se lo si guarda con la lente di ingrandimento ci si rende conto che le società sono appese ad un filo. Se non ci fossero i diritti televisivi con un’asticella alta come vuole la Lega il campionato italiano sarebbe finito. 

Il Napoli è vicino alla Juve, è attrezzato e nel finale di campionato ha espresso un gioco più bello, brillante e solido della Juve. Magari servono pochi pezzi per completare il mosaico, ma questi pezzi non sono introvabili perché non bisogna rivoluzionare tutto visto che il gioco, l’allenatore e la mentalità ci sono.

La Roma deve trovare sintonia col nuovo allenatore, ma prima deve uscire bene da questo mercato e non sarà facile”. 

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Pietro Guadagno, giornalista

“Non credo che il problema del mancato rinnovo di Donnarumma col Milan si economico, ma di questioni personali tra l’entourage di Donnarumma e il Milan. Una serie di episodi hanno alzato la tensione e reso impossibile l’accordo per cui non parlerei di tradimento, ma di errori fatti da una parte e dall’altra. 

Il Milan dovrà trovare un altro portiere titolare e non credo che alla fine Donnarumma sia incedibile, ma si tratta solo di una strategia per alzare il prezzo. Alla fine il portiere rossonero andrà via e credo che andrà al Real Madrid. Donnarumma alla Juve non si può escludere, ma credo che il calciatore andrà al Real e sarei sorpreso se andasse alla Juve. 

Il Milan su Reina? Non credo che sia in prima fila, Neto e Perin sono in cima alla lista”. 

I presenti comunicati sono stati inviati da Crc. Si declina ogni responsabilità dal contenuto degli stessi

Commenti