Gli interventi di Mirko Calemme, Francesco Coco e Antonio Allegra a “Il Sogno Nel Cuore”

AS, Calemme a “Il Sogno Nel Cuore” su 1 Station Radio: “Atletico Madrid su Fabian, ma non è l’unica spagnola interessata. Il Napoli ripartirà da Insigne e Lozano. Per il mercato bisogna aspettare il nuovo allenatore e, forse, anche il nuovo direttore sportivo”

“Fabian Ruiz? Non è una novità che l’Atletico Madrid sia interessato a lui ma, ad oggi, non è ancora partita la trattativa. L’interesse da parte delle big spagnole nei confronti del centrocampista non manca – queste le parole di Mirko Calemme, giornalista di AS e calciomercato.it, ai microfoni de “Il Sogno Nel Cuore”, trasmissione condotta da Luca Cerchione in onda dal lunedì al venerdì dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. Va detto, però, che il prezzo è un po’ calato. Ad oggi credo che la cifra giusta si aggiri intorno ai 70 milioni, anche se, post-Covid, ha ritrovato la sua miglior condizione. Poi c’è L’europeo, dove credo sarà protagonista, che ne potrebbe aumentare la quotazione. Con la Spagna gioca più avanzato, non ha grossi compiti di interdizione e riesce a mettere in mostra la miglior versione di sé stesso. Koulibaly? Bisogna capire se ci sono offerte importanti per lui, e, cosa altrettanto importante, sarà fondamentale vedere in che posizione chiuderà, il campionato, il Napoli. Se arriverà in Champions i calciatori a finire sul mercato saranno pochi, e saranno venduti solo alle cifre di Adl. Viceversa, senza Champions, si abbasseranno leggermente le pretese e sarà più facile vendere calciatori, anche importanti. Lozano? Cederlo ora potrebbe essere un errore. È alla sua prima stagione a buon livelli e credo che il Napoli voglia ripartire da lui nella prossima stagione. Identica la situazione di Insigne: si troverà un accordo per il prolungamento del contratto perché lui è capitano e leader di questa squadra, e la società non vorrà privarsene. Prossimo allenatore? Anche questo dipenderà dal piazzamento in questa stagione: in caso di partecipazione alla prossima Champions League, De Laurentiis potrebbe puntare ad un profilo internazionale, quale quello di Luciano Spalletti. Diversamente, ci si potrebbe orientare su Juric od Italiano. Sarri? Con Maurizio ci sono stati vari contatti, ma, salvo clamorosi colpi di scena, non credo tornerà, perché al momento ha altri progetti in testa. Tra l’altro bisognerà capire anche se Giuntoli sarà il direttore sportivo del Napoli anche nella prossima stagione: su di lui c’è l’interesse della Fiorentina. In entrata si parla di profili interessanti: su tutti, Senesi e Dalot. Senesi è un difensore centrale molto forte, attualmente al Feyenoord, argentino di piede mancino, bravo anche nell’impostazione del gioco. Occhio, però: quando si prendono calciatori sudamericani bisogna dargli il tempo di ambientarsi al nostro campionato, un po’ come sta accadendo con Martinez Quarta, fortissimo, ma che è partito con qualche difficoltà nella sua esperienza alla Fiorentina. Zaccagni, infine, è un calciatore che credo arriverà a prescindere dall’allenatore, perché è un profilo che sposa in pieno tutte le richieste della società di De Laurentiis”.

Francesco Coco a “Il Sogno Nel Cuore” su 1 Station Radio: “Se a Napoli sono stati bruciati sia Ancelotti che Gattuso, evidentemente non erano i responsabili dei risultati. La società ha tolto fiducia a Rino nel suo momento più delicato”

“Milan-Napoli? Partita particolare, il Milan cercherà di tenere il passo dell’Inter, mentre il Napoli corre per non perdere terreno dal quarto posto – queste le parole di Francesco Coco, ex calciatore, fra le tante, di Milan e Barcellona, ai microfoni de “Il Sogno Nel Cuore”, trasmissione condotta da Luca Cerchione in onda dal lunedì al venerdì dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. Sarà una partita dai due volti: mi aspetto una fase iniziale di studio, per poi vedere entrambe le squadre aprirsi e cercare la vittoria. Entrambe le rose vantano giocatori di primo livello. Gattuso? Giocatori come lui farebbero comodo al Napoli, così come a tutte le squadre. Avere un personaggio come lui oggi in campo, darebbe una scossa. Rino sta facendo molto bene al Napoli, nonostante le numerose defezioni dei suoi calciatori. La squadra è a soli 3 punti dal quarto posto con una partita da recuperare, quindi non vedo una stagione così grottesca così come la si descrive. Gli azzurri hanno dovuto fare a meno per tanti mesi di Mertens ed Osimhen, e non dimentichiamoci che il belga è il calciatore che ha fatto più reti nella storia dei partenopei. Gattuso, che ha avuto anche un problema fisico importante, se recupererà la rosa al 100% potrà raggiungere tranquillamente un piazzamento in Champions. Nel momento più difficile per Rino, la doveva stargli vicino invece di criticarlo. Ci sta guardarsi intorno e pianificare la stagione successiva, ma le grandi società non fanno trapelare questo genere di notizie, altrimenti si rischia di influenzare il presente con le scelte future. Problema terzini? Ogni società ha le sue visioni: il Napoli credeva di essere al completo sulle fasce, così come la Juventus credeva di essere al completo a centrocampo. La differenza è che sulla rosa azzurra hanno influito le assenze di Ghoulam e Hysaj, altrimenti la coperta non sarebbe stata corta. L’algerino, purtroppo, dal primo infortunio non si è mai ripreso. Ancelotti e Gattuso bruciati a Napoli? Gli allenatori sono diversi, Carlo è uno dei migliori di sempre, ma se il risultato è stato lo stesso per entrambi, evidentemente la colpa non era tutta loro, ma bisogna andare a ricercarla nelle costanti quali società e piazza. Ci vorrebbe un po’ più di equilibrio nei giudizi. La piazza napoletana è fantastica: ti fa sentire un re quando vinci, ma quando perdi non perdona”.

Panini, il direttore Allegra a “Il Sogno Nel Cuore” su 1 Station Radio: “Sabato in omaggio con GdS un pacchetto di figurine speciale in cui ci sarà il tributo a Lorenzo Insigne per i 100 gol in Serie A”

“La collezione calciatori Panini compie, quest’anno, 60 anni. Per celebrare la ricorrenza abbiamo lanciato varie iniziative – queste le parole di Antonio Allegra, direttore mercato Italia Panini, ai microfoni de “Il Sogno Nel Cuore”, trasmissione condotta da Luca Cerchione in onda dal lunedì al venerdì dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. Oltre alle Panini Instant, card che stanno raccontando i momenti più belli della Serie A, abbiamo lanciato una sezione che racconta l’andamento del campionato. Sabato, in allegato alla Gazzetta dello Sport, ci sarà una bustina speciale in cui ci saranno 5 figurine: una dedicata a Lorenzo Insigne ed ai suoi 100 gol in Serie A, una a Romelu Lukaku, una a Luis Muriel, una a Davide Ballardini per quello che sta facendo sulla panchina del Genoa e, l’ultima, raffigura la copertina della Gazzetta dello Sport nel giorno successivo al Derby di Milano vinto dall’Inter. Quel momento potrebbe essere la svolta della stagione, probabilmente quella vittoria ha spianato la strada ai nerazzurri verso la conquista dello Scudetto. Insigne è stato anche il primo a finire nella collezione Panini Instant: dopo la sua rete su punizione contro la Roma ha esposto la maglia di Maradona, ed abbiamo deciso di immortalare quel momento. Il napoletano sta facendo una stagione fantastica, io lo seguo sia in azzurro Napoli che in azzurro Nazionale. Credo che farà anche un Europeo importante”.

Commenti