Bradley in fin di vita, Defoe scoppia in lacrime

L’amicizia tra Jermain Defoe, attaccante del Bournemouth ex Sunderland, e Bradley Lowery, un bambino affetto da una rara forma di neuroblastoma, ha emozionato negli ultimi mesi tutto il popolo inglese e non solo. Un rapporto puro e sincero che si trova però adesso ad affrontare il capitolo più difficile. Le condizioni del piccolo si sono infatti aggravate nelle ultime ore. La situazione sembra ormai compromessa, tanto che il centravanti inglese è scoppiato in lacrime nel corso dell’ultima conferenza stampa. “Quando ho conosciuto Bradley non riuscivo a credere che fosse malato, sprizzava energia da tutti i pori e la trasmetteva agli altri – racconta Defoe -. Da quel momento tra noi è nato un feeling particolare. Parlo con la sua famiglia tutti i giorni e sono stato da lui pochi giorni fa. Credevo di essere preparato ma vederlo soffrire così è difficile. Bradley sta lottando, ma purtroppo è una questione di giorni prima che la malattia abbia la meglio. Sarà nel mio cuore per tutta la vita. Siamo vicini alla famiglia e li aiuteremo ad andare avanti. Ogni mattina mi sveglio e controllo il telefono pensando a lui, al suo amore e all’energia che gli ho visto negli occhi”.

Anche la famiglia del piccolo Brad ha confermato su Facebook che il destino del bambino è ormai segnato: “Bradley ha avuto una giornata difficile, non risponde più ma sappiamo che ci ascolta. Sta lottando ancora e ci spezza il cuore vederlo così. Quando arriverà il momento, ci sarà un aggiornamento su questa pagina prima di qualsiasi altro posto. Grazie per le belle parole e per tutto il supporto”.

Fonte: Sky

Commenti

Questo articolo è stato letto 290 volte