Ionita: “Infortunio pagine triste. Ora riparto”

Ionita, Cagliari (Ph Twitter @CagliariCalcio)

Un brutto infortunio che gli ha condizionato la scorsa stagione, ma il guaio al polpaccio rimediato contro il Bologna e che lo ha tenuto fuori per ben 142 giorni è ormai un lontano ricordo per Artur Ionita. Nel girone di ritorno, infatti, il classe 1990 ha mostrato tutto il suo valore e adesso si prepara ad una stagione da protagonista: “Quella è stata una giornata nata male fin dai primi minuti e conclusa, nel finale, con il mio infortunio che mi ha condizionato per tutta la stagione. E pensare che in tribuna c’era anche mio padre che è venuto a vedermi… una pagina triste che voglio lasciarmi alle spalle. Ora riparto dalla voglia di lavorare e dal grande aiuto che mi hanno dato non solo i medici ma anche tutto lo staff. Mi sono allenato sempre e dopo aver rimosso l’ultimo supporto alla caviglia, dopo la sfida contro il Milan, mi sono dovuto fermare qualche settimana per poi riprendere ad allenarmi con un programma di lavoro personalizzato”, le parole di Ionita rilasciate nel corso di un’intervista al Corriere dello Sport.

Nuova stagione, con alcuni volti nuovi all’interno del gruppo rossoblù. “La squadra è molto simile a quella dell’anno scorso e per questo non possiamo che puntare a migliorarci. Non vedo l’ora di giocare alla Sardegna Arena. Il pubblico sarà più vicino e speriamo possa essere felice e sorridente grazie alle nostre prestazioni. Cercheremo di regalare subito la prima vittoria. Dico ai nostri tifosi di non perdere tempo e di andare velocemente a comprare l’abbonamento perché sono sicuro che non li deluderemo in campo”, le parole di Ionita. Che poi parla così della lotta salvezza: “Non ho seguito da vicino il mercato delle neopromosse, ad eccezione del Verona, la mia ex squadra, che ha fatto degli acquisti importanti. Non so chi verrà coinvolto nella lotta per non retrocedere ma noi dovremo pensare solo a fare il nostro campionato e conquistare più punti possibile”, ha concluso Ionita.

Fonte: SkySport

Commenti