Bentancur: “A Genova ero nervoso, ma Buffon…”

“Bentancur può essere la sorpresa di questo campionato”. Massimiliano Allegri dixit, in occasione di una delle conferenze stampa durante la tournée americana. Allora si sapeva poco o nulla di Rodrigo Bentancur, talento uruguaiano arrivato in punta di piedi alla Juventus. Un mese dopo, il giovane centrocampista ha già esordito in Serie A in una partita non semplice: la profezia di Allegri è ancora distante dalla realtà, eppure qualcosa in quei minuti finali si è intravista. Ed è lo stesso Bentancur, in un’intervista esclusiva a Sky Sport 24, a raccontare il suo debutto.

Il debutto… – La verità è che a Genova ero un po’ nervoso, perché non pensavo di poter entrare in questa partita – dice Bentancur – fortunatamente però ho avuto l’opportunità di fare il debutto con la maglia della Juve e sono molto contento. Cercherò di sfruttare ogni minuto che avrò a disposizione”. Il punto di riferimento in questi primi mesi a Torino è stato Buffon: “E’ incredibile, da quando sono arrivato mi ha sempre trattato bene ed è sempre stato molto gentile con me. Quando sono entrato a Genova il suo consiglio è stato di rimanere tranquillo perché non avevo nulla da dimostrare: mi ha aiutato molto, è una grande persona”. Sulla sua posizione in campo, chiarisce: “Ho giocato sia in un centrocampo a tre che in uno a quattro. Sono abituato a giocare in mezzo, ma mi piace di più giocare a tre, mi sento meglio”.

… E gli obiettivi – “Ho sentito le parole di Chiellini, era sorpreso di me in modo positivo. Sono onorato, sto lavorando per migliorare e fare il meglio per il club e portarlo più alto in alto possibile. I miei obiettivi sono cercare di conquistare un posto tra i titolari, arrivare in nazionale maggiore e vincere tutto con la Juve. Ho già giocato in Under 20, ora voglio arrivare in nazionale maggiore. Ho tanta voglia di arrivarci, ma senza pressione” – ha concluso.

Fonte: SkySport

Commenti