Donadoni: “Siamo rammaricati, non meritavamo la sconfitta”

Nel corso del programma “Serie A Live” in onda su Premium Sport, l’allenatore del Bologna Roberto Donadoni dichiara: “Hanno fatto tre gol, peccato perché abbiamo fatto 70 minuti fatti bene. Abbiamo commesso due o tre ingenuità individuali che ci hanno portato alla sconfitta. C’è molto rammarico, questi ragazzi non meritavano una sconfitta del genere ma se giocheremo sempre con questa intensità diventerà facile fare risultato. Chiaramente contro questo tipo di squadre al minimo errore ti puniscono ma questa sconfitta ci servirà comunque. Abbiamo creato molto contro una delle squadre più forti del campionato, significa che il Bologna ha qualità. La prova di Palacio? Ha fatto un’ottima gara, è un catalizzatore del gioco, ha grande personalità e un’ottima qualità: sono molto soddisfatto di lui. I fischi a Destro al momento del cambio? Non sto a guardare queste cose, dopo tre minuti un tifoso chiedeva già un cambio. E’ stata una cosa insignificante. Questa sconfitta, per il gioco espresso, peggiore rispetto a quella dell’anno scorso per 7-0? Dipende da che punto di vista si leggono le cose e da che cosa si vuole tirar fuori di costruttivo per il futuro. Il rammarico c’è ma dobbiamo capire che a parte piccoli errori, tutto il resto dobbiamo interpretarlo in maniera positiva. Abbiamo cercato di fargli male, dobbiamo guardare il bicchiere mezzo pieno e andare avanti in modo positivo. Chi tirerà le punizioni tra Pulgar e Verdi? E’ come per i rigori, chi se la sente va e calcia. Poi ci sta anche sbagliare se si prendono delle iniziative. La sconfitta del Milan contro la Lazio? Le differenze sono minime, a volte una mezza sciocchezza può contribuire che venga fuori un risultato piuttosto che un altro. Ho visto anche la gara del Verona, la Fiorentina dopo 9 minuti era avanti di due gol senza aver fatto quasi nulla e così può essere andata anche per il Milan. Non so però cosa sia successo di specifico.”

Commenti