Serie A, la 4^ giornata inizia alle 15 con l’Inter

Apre la giornata l’Inter, oggi alle 15 nell’anticipo contro il Crotone; stasera la Roma ospita il Verona. Domani all’ora di pranzo c’è Sassuolo-Juventus, alle 15 scendono in campo Milan-Udinese e Napoli-Benevento. Il posticipo è Genoa-Lazio

LE PROBABILI FORMAZIONI

Dopo la tre-giorni di coppe, si torna a pensare al campionato. Le italiane impegnate in Europa lo faranno con spirito diverso: Juventus e Napoli con la voglia di smaltire la delusione, tornando a fare la voce grossa in Serie A (contro Sassuolo e Benevento), Milan, Atalanta e Lazio gasate dalle loro prestazioni. Ancora “lavori in corso” per la Roma di Di Francesco, che affronta il Verona reduce dalla manita incassata con la Fiorentina. Un’Inter più “riposata” apre la giornata contro il Crotone, consapevole di avere un calendario tutto da sfruttare soprattutto nel prossimo mese.

Crotone-Inter (sabato 16 settembre ore 15, diretta su Sky Calcio 1 HD)

Due precedenti in Serie A (quelli della scorsa stagione) e bilancio in pari con una vittoria a testa: 3-0 Inter all’andata, 2-1 per i calabresi al ritorno con doppietta di Falcinelli. L’Inter, senza coppe, ha un calendario piuttosto agevole da qui al derby del 15 ottobre: un mese in cui affronterà Crotone, Bologna, Genoa e Benevento e dovrà cercare di non perdere punti per non commettere lo stesso errore della scorsa stagione, quando lasciò per strada ben 19 punti contro squadre medio-piccole.

La mano di Spalletti si vede già. In attacco 4 degli 8 gol dell’Inter sono arrivati con cross dalle fasce: i nerazzurri sono la squadra più prolifica con questo tipo di azione, nonché l’unica ad aver già segnato due reti di testa. Merito di due ali del calibro di Candreva (19 cross su azione) e Perisic (18): solo Lazovic del Genoa crossa più di loro (21).

Perisic in particolare ha partecipato attivamente a 9 gol (con 6 assist e 3 reti) nelle ultime cinque presenze in A: il 59% dei suoi assist, da quando gioca in Italia, ha portato a un gol di Icardi. E a proposito dell’argentino, i suoi numeri parlano per lui: contro il Crotone festeggerà la presenza numero 150 con la maglia dell’Inter (con 83 gol) e anche in questo primo scorcio di stagione si è confermato re dell’area di rigore (5 gol nelle ultime tre presenze). Un dato che fa impressione: 72 dei 76 gol che ha segnato in Serie A con l’Inter sono arrivati da dentro l’area di rigore, tra cui tutti gli ultimi 23.

Cross perfetti e un grande finalizzatore, insomma, ma non solo: nessuna squadra ha subito meno gol (uno solo) e meno tiri nello specchio (solo 7) dell’Inter in questo campionato. Spalletti ha sistemato anche la difesa?

Fiorentina-Bologna (sabato 16 settembre ore 18, diretta su Sky Calcio 1 HD e Sky SuperCalcio HD)

Con il 5-0 al Verona, la Fiorentina si è risollevata dopo un avvio di campionato critico con due sconfitte di fila. I viola sono la squadra che ha effettuato più conclusioni: ben 60, anche grazie ai 25 tiri effettuati nella partita contro la Sampdoria, record finora in questo campionato. Ma la Fiorentina detiene anche altri tre primati, che rendono l’idea del gioco offensivo ricercato da Pioli: è la squadra che ha centrato per più volte lo specchio della porta (23, come il Napoli), ha conquistato 27 calci d’angolo (almeno 4 più di ogni altra squadra) e vanta già 6 marcatori diversi (sempre come il Napoli). Situazione quasi opposta per il Bologna, che non è mai riuscito a segnare più di un gol nelle ultime sei gare giocate tra campionato e Coppa Italia.

Roma-Verona (sabato 16 settembre ore 20.45, diretta su Sky Sport 1 HD, Sky Calcio 1 HD e Sky SuperCalcio HD)

Da una parte la Roma (una partita in meno, da recuperare contro la Samp), che segna da 23 partite consecutive: tra le 20 squadre attualmente in Serie A solamente la Juventus vanta una striscia più lunga (32). Dall’altra il Verona, con la peggior difesa del campionato: 8 gol subiti e 54 conclusioni concesse agli avversari, entrambi primati negativi nei primi tre turni. Sarà anche sfida tra Di Francesco e Pecchia, che non si sono mai incrociati in Serie A da allenatori. Da giocatori, invece, si sono affrontati 13 volte: 5 successi a 2 per l’attuale allenatore della Roma, 6 i pareggi.

Sassuolo-Juventus (domenica 17 settembre ore 12.30, diretta su Sky Calcio 1 HD e Sky SuperCalcio HD)

Si gioca all’ora di pranzo, situazione che visti i precedenti fa più felici i bianconeri. La Juventus, infatti, ha vinto 11 delle ultime 12 gare giocate alle 12.30 e nelle ultime quattro non ha nemmeno subìto gol. Il Sassuolo, invece, ha sempre subìto gol nelle nove gare a pranzo: 18 in tutto, in media 2 a partita.

Nonostante abbia evidenziato qualche problema in difesa rispetto alle scorse stagioni, la Juventus resta la squadra che ha subìto meno tiri totali (29) e nello specchio (7, come l’Inter) in questo campionato: in quello scorso, però, dopo tre turni ne aveva subiti 19, cinque dei quali nello specchio. In attacco, invece, è partito subito forte Paulo Dybala (5 gol) che festeggerà la gara numero 100 con la maglia bianconera: per lui finora 49 gol, se segnasse avrebbe una media perfetta di un gol ogni due partite.

Milan-Udinese (domenica 17 settembre ore 15, diretta su Sky Sport 1 HD e Sky Calcio 1 HD)

Parola d’ordine, precisione. Il Milan è la squadra con la più alta percentuale di precisione al tiro in questo avvio di campionato: il 58% delle conclusioni rossonere ha inquadrato lo specchio della porta avversaria. Rossoneri precisi anche nella fase di costruzione: 88% di passaggi riusciti, meglio di qualsiasi altra squadra, ben 576 nella trequarti offensiva (altro record). Per quanto riguarda i gol, la squadra di Montella predilige la prima mezz’ora di gioco per segnare (4 reti in questo intervallo), ma affronta l’Udinese che contro il Genoa è tornata a non subire dopo 9 gare di campionato in cui aveva sempre preso gol, interrompendo anche una serie di sette partite senza successi.

Napoli-Benevento (domenica 17 settembre ore 15, diretta su Sky Calcio 2 HD)

Derby campano, con il Napoli che in casa, in Serie A, ne ha perso solo uno su 11, contro l’Avellino nel novembre 1979 (0-1). La squadra di Sarri ha vinto le ultime otto partite di campionato e se vincesse con il Benevento stabilirebbe il record di vittorie consecutive nella sua storia in Serie A.

Ben sette dei nove gol del Napoli sono arrivati nella ripresa (6 nell’ultima mezz’ora di gioco), mentre il Benevento è ancora senza punti e con un solo gol segnato, nonostante abbia effettuato sempre almeno 15 tiri in ognuna delle prime tre giornate e sia la formazione che ha centrato più volte la porta con tiri dalla distanza (11). Tra i giocatori ancora a secco si affronteranno due di quelli che hanno tentato più volte la conclusione, Insigne (13 tiri in porta) e Coda (8).

Torino-Sampdoria (domenica 17 settembre ore 15, diretta su Sky Calcio 3 HD)

Un solo gol subìto dal Torino, miglior difesa del campionato alla pari con l’Inter: era dal 1993/94 che i granata non concedevano così poche reti dopo tre giornate. Questo nonostante il Torino sia la squadra che, dopo Verona (54) e Spal (52), ha subìto più tiri in questo campionato: 47. Di questi, però, ben 29 sono stati calciati da fuori area. Riguardo ai gol fatti, i numeri evidenziano quanto l’incisività di Belotti dipenda dal modulo: il “Gallo” ha segnato un gol ogni 102 minuti quando ha giocato nel 4-3-3 (28 partite) e solo uno ogni 300 giocando nel 4-2-3-1 (10 gare). Quattro i gol realizzati dalla Sampdoria finora e tutti con giocatori italiani.

Spal-Cagliari (domenica 17 settembre ore 15, diretta su Sky Calcio 4 HD)

Perfetto equilibrio nelle sei sfide in Serie A tra Spal e Cagliari, che risalgono al periodo tra il 1965 e il 1968: due vittorie per parte e due pareggi. L’ultimo scontro diretto in ordine di tempo è però quello del terzo turno di Coppa Italia nell’agosto 2016, quando i sardi vinsero per 5-1 con 4 gol di Marco Borriello, oggi alla Spal. Da ex, Borriello ha già rifilato quattro gol al Cagliari in Serie A: l’ultimo nell’aprile 2010 con la maglia del Milan. Per lui anche 4 reti nelle ultime sette gare casalinghe giocate in campionato.

Chievo-Atalanta (domenica 17 settembre ore 18, diretta su Sky Calcio 2 HD e Sky SuperCalcio HD)

Proprio come nella passata stagione, l’Atalanta ha vinto alla terza giornata dopo aver perso le prime due: nel 2016/17 arrivarono altri due ko nel quarto e nel quinto turno. Con l’entusiasmo derivante dalla fantastica vittoria in Europa League sull’Everton, la squadra di Gasperini affronta il Chievo, seconda peggior difesa della Serie A con 6 gol subiti: era dal 2013/14 che non concedeva così tante reti dopo le prime tre giornate. Il Chievo è anche l’unica squadra ad aver schierato sempre lo stesso 11 di partenza in questo inizio di campionato.

Genoa-Lazio (domenica 17 settembre ore 20.45, diretta su Sky Sport 1 HD, Sky Calcio 1 HD e Sky SuperCalcio HD)

Ex della partita Ciro Immobile, che ha partecipato a 31 gol (27 reti, quattro assist) nelle sue 39 presenze di campionato con la Lazio. Contro il Genoa ha già segnato tre reti in cinque partite, quando vestiva la maglia del Torino.

L’attaccante biancoceleste è il giocatore che ha effettuato più tiri in questa Serie A (18) e che ha giocato più palloni nell’area avversaria (23) e festeggerà la 100ª presenza da titolare in A proprio nello stadio in cui è stato schierato per la prima volta dal 1’ (Genoa-Cagliari, agosto 2012).

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 226 volte