BASKET – Cuore Napoli Basket, ko all’esordio: al PalaBarbuto s’impone l’Eurobasket 68-90

Sconfitta all’esordio per il Cuore Napoli Basket che al PalaBarbuto cede contro l’Eurobasket Roma. 68-90 il punteggio finale in favore della squadra di coach Bonora che ha fatto valere la forza del suo roster a cospetto di una Napoli decimata per le assenze di Sorrentino, Mastroianni e Caruso e per le non perfette condizioni fisiche di Maggio, Vucic, Nikolic e Fioravanti.
La cronaca. Quintetto iniziale per il Cuore composto da Maggio, Carter, Ronconi, Nikolic e Vucic. Si parte con il botta e risposta dall’arco tra Ronconi e Deloach (3-3). Al piazzato di Sims risponde la bomba di Nikolic (6-5). Al 4′ il 2/2 ai liberi di Carter ed il gancio di Vucic valgono il 10-7. Deloach infila il tap-in del -1 (10-9). Al 5′ Maggio perfora la difesa capitolina ed appoggia il 12-9. I campani insistono ed al 6′ Vucic mette la tripla frontale del +4 (15-11). Al 7′ al gioco da tre punti di Poletti replica la prodezza da fuori di Carter (18-14). I laziali non demordono ed all’8′ mettono a segno un break di 0-5 (18-19) grazie allo strapotere nel pitturato di Sims e Poletti. Carter è chirurgico dalla lunga, ma – ad 1′ 47″ dalla fine del quarto – la bomba di Brkic ed il sigillo in campo aperto di Deloach portano gli ospiti a +3 (21-24). Carter infiamma il PalaBarbuto, bombardando da fuori (24-24). Al 10′ i quattro consecutivi di Deloach fissano il punteggio sul 24-29. Ad avvio di secondo periodo Maggio prova a suonare la carica (27-29). La Leonis, però, pigia il piede sull’acceleratore ed al 15′ sigla un parziale di 0-10 (27-39), chiuso dalla tripla di Casale. Al 16′ la schiacciata di Nikolic è ossigeno puro per i suoi (30-41). I partenopei provano a tornare in scia ed al 17′ accorciano a -8 (35-43) trascinati da Mascolo e Vangelov. L’Eurobasket sfrutta la maggiore fisicità sotto le plance, andando all’intervallo lungo sul 35-51.
Al rientro sul parquet non cambia l’inerzia del match. Al 22′ Sims ne mette quattro di fila (37-55). Carter prova a tenere in vita gli azzurri (40-55), mal 26′ Deloach ristabilisce le distanze (42-60). Nikolic lotta su tutti i palloni ed riesce ad accorciare a -15 (45-60). Al 28′ Roma è saldamente al comando (45-65) grazie alla tripla di Deloach ed all’appoggio a tabellone di Sims. Al 29′ botta e risposta da fuori tra Casale e Ronconi (50-68). Il terzo periodo si chiude con il canestro di Deloach (50-70). Ad avvio dell’ultimo quarto c’è solo il Cuore sul parquet. Gli uomini di coach Ponticiello piazzano un break di 7-0 (57-70) trascinati dalle giocate di capitan Maggio e dall’energia di Mascolo. Il 2/2 dalla lunetta di Poletti vale oro per gli ospiti (57-72). Al 35′ a Deloach risponde la schiacciata di Nikolic (59-76). Carter concretizza un contropiede, ma al 36′ la bomba di Deloach chiude virtualmente il match (62-79). Nel finale gli uomini di coach Bonora controllano agevolmente i ritmi della sfida, imponendosi 68-90.
Le dichiarazioni. Francesco Ponticiello: “Nelle condizioni in cui ci trovavamo alle 17.59 con incognite derivanti da problematiche fisiche recenti, era molto elevato il rischio di giocare in balia dell’avversario, anche perchè ci trovavamo davanti una squadra di altissimo livello con un’ottima coppia di americani ed un parco italiani tra i più validi del torneo. Se c’è un errore che potremmo fare adesso è pensare che abbiamo sbagliato tutto. Non abbiamo ancora piena padronanza di cosa fare nei momenti difficili, dobbiamo lavorare su questo e cercare di migliorarci giorno per giorno. Un grazie al pubblico del PalaBarbuto che ha sostenuto la squadra e applaudito a fine gara, consapevole delle difficoltà incontrate nel precampionato dal nostro gruppo”.

Il tabellino. 
Napoli: Malfettone ne, Carter 18, Fioravanti, Lepre ne, Mascolo 5, Vangelov 4, Ronconi 6, Gallo ne, Vucic 5, Maggio 13, Bordi, Nikolic 17.
Roma: Deloach 29, Casale 7, Fanti 2, Poletti 18, Frassineti 2, Galli ne, Santucci ne,Sims 23, Bonessio 1, Cecchetti 2, Piazza 3, Brkic. Coach Bonora
Arbitri: Brindisi, Pecorella, Bertolomeo
Spettatori: 1.000 circa.

Commenti