Gli interventi di Mimmo Di Carlo, Stefano Colantuono, Ciro Ferrara e Gianfranco Lucariello a Radio Crc

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Mimmo Di Carlo, allenatore

“Noi ci mettiamo nei panni degli allenatori dei club e raramente in quelle dei ct. Mertens per esempio, fa parte di una Nazionale, del Belgio e ci sono dei ct che hanno bisogno di alcuni giocatori che fanno da traino perché è anche una questione di immagine. Poi è chiaro che ci sono partite che non contano nulla e sta al ct, e non sono tutti uguali, avere la sensibilità di capire che forse è meglio non far partire quel determinato calciatore.

Il rapporto tra Nazionali e squadre di club, è una discussione che va avanti da diversi anni, sono convinto che bisogna mettere un tavolo di lavoro di spessore per cercare di arrivare tra qualche anno ad una soluzione diversa. Ad oggi, il calciatore col raffreddore, deve andare in Nazionale e farsi vedere dal medico. 

E’ da diversi anni che parliamo anche della chiusura del mercato, affinché avvenga un giorno prima dell’inizio del campionato”. 

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Stefano Colantuono, allenatore

“Il campionato dice che nessuno riesce a tenere testa al Napoli. Questa squadra è prima per numeri in Italia e in Europa e i numeri sono incontrovertibili. L’unica pecca, al momento, è non avere un vice Mertens dopo l’infortunio di Milik, ma Sarri potrebbe inventarsi qualche altro calciatore centravanti. 

Bisognerebbe porre rimedio al calendario che per esempio vede il Napoli giocare subito dopo la Nazionale contro Roma, Manchester City e Inter. Anche nella Serie B c’è il problema: ci sono squadre, come il Palermo, che devono fare a meno di tanti giocatori prestati alle Nazionali e così le partite vengono falsate”. 

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Ciro Ferrara, ex calciatore

“Oggi abbiamo voluto puntualizzare alcune cose, ma saremo felici solo quando avremo in mano le chiavi del Collana. Vogliamo restituire ai napoletani un impianto modello che attualmente è chiuso e messo in condizione fatiscente.  

Il Napoli è diventata squadra matura e riesce a vincere e recuperare anche quando non gioca bene e il distacco dalla Juve di 2 punti mi pare che la città l’abbia presa nel modo giusto. 

Credo che la Var abbia risolto molti problemi, è sperimentale per cui c’è qualche criticità che ogni tanto viene fuori, ma se pensiamo che possa risolvere ogni tipo di contestazione, ci sbagliamo. Una cosa è certa: alla fine toglierà alcuni alibi alle squadre e mi pare che i calciatori accettino le decisioni del Var. 

Koulibaly lo metto tra i primi 3 difensori, ma diciamo che nel Napoli i giocatori si esaltano e magari messi in un altro contesto non farebbero così bene. Se devo citare un difensore su tutti, però, dico Ghoulam che sta facendo cose bellissime”. 

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Gianfranco Lucariello, giornalista

“Il Var sta rendendo giustizia in maniera quasi uguale a tutte le squadre. Il meccanismo va affinato, ma gli episodi nei confronti della Juve erano quasi tutti a favore, ma adesso che le cose stanno cambiando e al club bianconero non sta bene. La tecnologia garantisce pari trattamento e mi pare stia dando risultati. 

Il Napoli ha raggiunto un equilibrio anche in difesa, evidentemente la cura di Sarri sta funzionando a furia di ripetere negli allenamenti”. 

I presenti comunicati sono stati inviati da Crc. Si declina ogni responsabilità dal contenuto degli stessi

Commenti