Alessandro Formisano: “Notevoli i dati di afflusso della Mostra al Mann”

I dati di afflusso al MANN sono molto interessanti, c’è una grande partecipazione di pubblico per ammirare la storia del Napoli”. Alessandro Formisano, Head of Operations azzurro, parla ai microfoni di Radio Kiss Kiss analizzando questa prima settimana di apertura della Mostra “Il Napoli nel Mito” al Museo Archeologico di Napoli.

Il MANN è un luogo prestigioso e meraviglioso e invoglia quindi le persone a visitarlo, ma devo dire che la partecipazione dei napoletani e dei turisti che hanno caratterizzato questi giorni della mostra è davvero notevole”.

“Abbiamo raccontato solo una parte di oltre un Secolo di storia del Napoli e, come abbiamo già annunciato, ci saranno altri eventi del genere, perchè questa è una mostra temporanea. Abbiamo mostrato solo il 4-5 per cento delle risorse che si potrebbero esporre come memorabilia e documenti”.

“Certamente chi visiterà “Il Napoli nel Mito” poi si fidelizzerà con le altre mostre che abbiamo già in programma e che avranno, sia pur su temi diversi, lo stesso filo conduttore della storia della nostra squadra e della nostra città”.

“Abbiamo agevolato l’affluenza dei più giovani concedendo l’ingresso gratuito ai minori di 6 anni ed un ridotto di 8 euro per i minori di 18 anni, considerando che comunque il biglietto intero è di soli 10 euro, quindi alla portata di tutti. Questo anche perchè è nostro desiderio che le nuove generazioni possano avere la bellissima opportunità di sapere ciò che ha rappresentato nel tempo il nostro Club, ma anche che i più adulti possa ripercorrere e rivedere da un’altra angolazione la storia vissuta con il Napoli”.

“In futuro posso dire che abbiamo raggiunto un accordo con il Dipartimento di Economia e Management, Istiuzioni dell’Università Federico II, in collaborazione con i Professori Roberto Vona, Mauro Sciarelli, e Luigi Cantone. Tutto sotto l’Egida del Magnifico Rettore Gaetano Manfredi. Tra l’altro nel Comitato Scientifico della Mostra “Napoli nel Mito” ci siamo avvalsi anche della collaborazione del Prof. Guido Trombetti, già Rettore della Federico II.”

“Questa sinergia sarà compiuta affinchè loro possano studiare la fenomenologia e l’impatto che ha avuto questa mostra sul territorio. Quindi, come si può comprendere, non si tratta solo di una mostra di natura calcistica, ma rappresenta molto di più sul piano anche sociologico”.

Fonte: sscnapoli.it

Commenti