Da Ronie a Coutinho, i primi gol del Barça-Brazil

Ronaldinho, il gol all’alba che fece innamorare i tifosi

Per chi crede nei segni del destino, il debutto al Camp Nou di Ronaldinho non poteva che essere il presagio perfetto di ciò che avrebbe poi rappresentato il fuoriclasse brasiliano per i tifosi del Barcellona. Era il 3 settembre 2003, non si trattava del debutto assoluto del brasiliano che aveva già esordito a Bilbao la settimana precedente. Tuttavia, il pubblico del Camp Nou non era ancora riuscito a vedere il nuovo numero 10 dal vivo. In realtà, il fuoriclasse di Porto Alegre non doveva giocare neppure quel giorno: nel 2003 non c’erano ancora le pause ufficiali per qualificazioni mondiali, europee o per le amichevoli, capitava così che le partite dei vari campionati coincidessero con quelle delle nazionali. Proprio in quei giorni era in programma sia l’infrasettimanale di Liga, sia una partita del Brasile campione del mondo che aveva ovviamente convocato Ronaldinho. Il match contro il Siviglia era fissato per il mercoledì 3, giorno in cui l’ex Psg sarebbe già dovuto essere con i suoi compagni della Seleção. Il club catalano riuscì a convincere la federazione brasiliana a lasciare il numero 10 a Barcellona fino a martedì sera, ma non riuscì a fare lo stesso con la dirigenza del Siviglia che si rifiutò di giocare un giorno prima rispetto alla data ufficializzata dalla Liga pensando che in questo modo non si sarebbero ritrovati Ronaldinho in campo. Soluzione? Laporta fissa il match alle 00.05, così da far risultare l’incontro mercoledì 3 e dare il tempo al fuoriclasse di andare in nazionale la mattina seguente. In un contesto surreale, con un Camp Nou gremito anche a mezzanotte, il brasiliano non delude nessuno: al 58’ prende palla direttamente da un lancio del portiere Victor Valdes, salta due avversari e calcia da oltre 25 metri sotto la traversa pareggiando il momentaneo 1-0 di José Antonio Reyes. L’orologio segnava le ore 01.26: un primo gol magico così come lo sarà tutta la sua permanenza a Barcellona.

Fonte: Sky

Commenti