Zeman: “Abbiamo creato di più, vittoria meritata”

Una vittoria che rilancia il Pescara dopo due sconfitte consecutive e proietta gli abruzzesi nuovamente in zona playoff. Sarà una bagarre lunga fino alla fine del campionato, ma l’obiettivo di centrarli è categorico come negli scorsi giorni aveva sottolineato il presidente Sebastiani. Contro la Salernitana “è bastata” una perla di Brugman su punizione: un risultato meritato, come lo stesso Zeman ha ammesso nella conferenza stampa al termine della partita: “Abbiamo fatto bene nel primo tempo, anche se abbiamo giocato controvento: questo ha disturbato sia il nostro gioco che il loro. Abbiamo creato qualche occasione in più rispetto all’avversario, penso che la vittoria sia meritata. Il gol di Brugman? Una grande punizione, finalmente ha cercato il secondo palo e ci è riuscito: ultimamente lo aveva provato spesso e sono contento che lo abbia fatto”.

“Dobbiamo migliorare sul piano del gioco”

L’allenatore boemo analizza poi anche la prestazione sul piano del gioco: “Il nostro gioco dipende molto da come si muovono gli attaccanti. Ma quando non fanno quello che gli chiedo non faccio strigliate. Mi aspetto sempre cose buone da loro, ma so che non è sempre possibile. In generale, quando facciamo una giocata con tre passaggi dovremmo arrivare vicino alla porta, invece spesso lanciamo lungo. Dobbiamo migliorare in questo. In realtà lo prepariamo in settimana, ma poi in partita ci confondiamo. La cosa certa è che creiamo tanto, quando impareremo a sfruttare le occasioni torneremo a segnare di più. Bunino? Un centravanti che va dentro, anche se oggi ha sbagliato l’occasione più importante. La prossima volta però andrà meglio”. Zeman poi elogia gli avversari: “La Salernitana ha cercato di fare tutto quello che poteva, me l’aspettavo a cinque in difesa anche se poi si è messa a quattro già nel primo tempo. Non penso debbano guardarsi indietro in classifica, hanno qualcosa in più rispetto alle altre coinvolte nella lotta per non retrocedere”.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 347 volte