Youth League, il Napoli vince ma è eliminato

Fare come i più giovani, magari con qualche patema in meno. Sì, il Napoli fra qualche ora scenderà in campo al San Paolo contro la Stella Rossa. L’obiettivo, ovviamente, sono i tre punti, che potrebbero portare gli azzurri agli ottavi di finale qualora il Liverpool a Parigi vincesse o pareggiasse con il Psg. A precedere il tutto, intanto, ci ha pensato il Napoli Primavera, che ha affrontato in Youth League i pari età del club serbo. Serviva una reazione ai ragazzi di Baronio dopo la sconfitta subita in campionato per mano del Torino e la risposta sperata è arrivata. Già, perché gli azzurri si sono imposti con uno spettacolare 5-3, rimontando lo svantaggio per ben tre volte prima di mettere la partita in cassaforte nel finale. Decisiva la tripletta di Gaetano, assoluto protagonista, e le reti di Perini e Saporetti. Successo però inutile per il Napoli che, a causa della vittoria per 3-2 del Psg sul Liverpool, sono costretti a dire addio al torneo: “Ma a testa alta” Come precisato dal club sulla propria pagina Twitter.

La partita

Napoli in campo con il solito 3-5-2. In porta D’Andrea, come sempre accaduto fin qui in Youth League. Poi la novità Esposito al fianco di Senese e Perini in difesa. Mezzoni e Calvano sugli esterni di un centrocampo ultimato da Micillo, D’Alessandro e Marino. Tandem d’attacco composto da Saporetti e Gaetano. La partita, però, comincia malissimo. Serbi, infatti, avanti già dopo tre minuti, con Mezzoni che colpisce Terzic nel tentativo di rilanciare un pallone. Sul dischetto va Jocic, D’Andrea intuisce ma non intercetta la conclusione. Al quarto d’ora ecco il pareggio di Perini, che dopo la punizione calciata da D’Alessandro insacca in porta da due passi. Stella Rossa però di nuovo avanti alla mezz’ora: Sgarbi svirgola la palla sul corner dei serbi, favorendo così la rete di Burmazi. A rimettere nuovamente tutto in pari è Saporetti, che raccoglie e battezza in porta il cross dalla destra di Mezzoni. Da lì il Napoli ci prova, rendendosi pericoloso prima con Calvano che sfiora il gol dalla distanza e poi con Micillo, che di testa colpisce la traversa. Al 64’ la doccia gelata: liscio in area di Perini, tiro di Burmaz che finisce sul palo e palla che finisce sui piedi di Dedijer il quale, appena entrato, non ha problemi nel trovare il gol del 2-3. Da quel momento in poi si apre lo show di Gaetano, che al 70’ pareggia con una punizione perfetta e senza scampo per il portiere avversario. Poi, con la Stella Rossa rimasta in dieci per l’espulsione al 75’ di Adzibaba, porta gli azzurri in vantaggio all’82’ grazie ad una nuova punizione gioiello. Infine il gol che chiude la partita al 91’ con un sinistro vellutato all’interno dell’area.
 

Fonte: SkySport

Commenti