Sampdoria, si fermano Bereszynski e Ramirez

Dare seguito alla bella vittoria dell’ultimo turno di campionato contro l’Udinese per continuare ad inseguire una qualificazione alla prossima Europa League. Obiettivi chiari per la Sampdoria, che dopo un giorno di riposo è immediatamente tornata al lavoro in vista della prossima sfida, la delicata trasferta allo stadio Atleti Azzurri d’Italia di Bergamo contro l’Atalanta di Gasperini. Subito al lavoro al Centro Sportivo Mugnaini di Bogliasco, Marco Giampaolo e il suo staff hanno diviso la squadra blucerchiata in due gruppi: da una parte i giocatori che sono stati maggiormente impiegati nell’ultimo successo contro l’Udinese hanno svolto una seduta di scarico tra campo e palestra, mentre tutto il resto della squadra ha disputato un test amichevole contro la Primavera allenata da Simone Pavan. Presenti in campo anche Jacopo Sala e Valerio Verre, mentre non hanno partecipato alla seduta Gianluca Caprari e Gian Marco Ferrari, impegnati con lo stage della Nazionale di Gigi Di Biagio. I blucerchiati saranno impegnati nella giornata di mercoledì in una doppia seduta.

Bereszynski e Ramirez, confermati gli infortuni

Per Marco Giampaolo non arrivano buone notizie dall’infermeria. Non hanno lavorato con il resto dei compagni, infatti, sia Bartosz Bereszynski che Gaston Ramirez, usciti malconci dalla gara di domenica scorsa al Ferraris: per il terzino polacco infortunio all’adduttore della gamba destra, per il trequartista argentino problema alla caviglia sinistra. Come si legge sul sito ufficiale della Sampdoria – che ha diffuso un report medico per fare chiarezza sulle condizioni dei due giocatori – Bereszynski e Ramirez si sono sottoposti ad esami strumentali che hanno confermato una tendinopatia inserzionale per il primo e una distorsione per l’ex Inter. Entrambi hanno svolto una serie di terapie, oltre ad una sessione di fisioterapia e lavoro in acqua, e verranno valutati giorno dopo giorno, seguendo un programma di recupero personalizzato.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 321 volte