Spezia, allenamento tattico verso l’Empoli

Dopo la vittoria con il Cittadella, l’obiettivo dello Spezia è tornare alla vittoria in casa e trovare quei punti che avvicinerebbero la squadra di Gallo all’aritmetica salvezza e le consentirebbero di poter sperare nei playoff. Al “Picco” però arriverà la capolista Empoli, la squadra più in forma del campionato: una prova del 9 per Gilardino e compagni, che oggi si sono allenati in vista del match di sabato. Una seduta tattica – come riporta il sito ufficiale della società – sotto la pioggia, preceduta da un riscaldamento tecnico e seguito da esercitazioni a tema e da tiri in porta. Infine, lavoro sugli schemi su palla da fermo. Sono arrivate anche le parole di un grande protagonista della vittoria contro il Cittadella, il portiere Nicolò Manfredini: l’estremo difensore ha parlato della stagione in generale e del proprio rendimento finora: “Dobbiamo continuare su questa strada, siamo forti e possiamo fare ancora tanto in questa stagione, anche se l’obiettivo resta intanto raggiungere quota 50 punti”.

Manfredini: “Qui sto bene, gli attestati di stima fanno piacere”

Il portiere ripercorre la sfida del “Tombolato” e sceglie la parata più difficile: “Quella arrivata dopo la ribattuta del palo. Sono stato istintivo e anche un po’ fortunato, ma un po’ di fortuna non guasta mai e ultimamente ci era mancata”. Contro il Cittadella è stata però anche la partita del golazo di Gilardino: “Un gesto tecnico incredibile, per fortuna gioca con noi”. E’ già tempo però di pensare all’Empoli: “Abbiamo in testa i nostri obiettivi, vogliamo fare punti anche contro la capolista e per farlo stiamo preprarando molto bene questa partita”. Infine Manfredini parla anche di sé e del futuro: “Il mio contratto scadrà il prossimo anno, io qui mi trovo bene sia nella società che in città. Gli attestati di stima del club? Sono arrivato in punta di piedi, sono felice e ringrazio tutti. Il modo migliore per dimostrarlo è continuare a fare del mio meglio per onorare questa maglia”. Un futuro che, a lungo termine, Manfredini ha già programmato: “Mi sono laureato, perché anche se amo questo lavoro so che la carriera di uno sportivo è breve ed è giusto pensare anche ad un’altra strada per quello che arriverà dopo”.

Fonte: SkySport

Commenti