Champions, la “Romantada” e la follia di Di Francesco

ROMA – “Io sono un pazzo” ha detto nella notte Eusebio Di Francesco, il Tenero Eusebio che si è elevato, con l’impresa dell’eliminazione del Barcellona, all’altezza dei più grandi, un Liedholm del terzo millennio. Un generale stratega che porterà sempre appuntata sul petto la medaglia conquistata la sera del 10 aprile 2018, una data storica, almeno per la Roma. Che certe soddisfazioni nella sua vita ne ha avute pochissime, e internazionali men che meno. Anzi in Europa della Roma si ricordano più che altro disfatte e delusioni totali, a partire dai famosi rigori di Roma-Liverpool nella finale di Coppa Campioni del 1984. Già il Liverpool, è in corsa, ha fatto un’impresa eliminando il City, è sulla strada della Roma. Si vedrà venerdì al sorteggio delle semifinali.Roma-Barcellona, il ritorno trionfale dei giocatori giallorossi a Trigoria: la festa dei tifosiin riproduzione…. Fonte: Repubblica.it

Commenti